maverick vinales motogp

MotoGP Test Jerez: Maverick Viñales al top, seguono le Suzuki

Maverick Viñales al comando nella giornata di test MotoGP a Jerez, seguono le Suzuki e Takaaki Nakagami. Tempi e cronaca di giornata.

3 maggio 2021 - 18:08

Molti avevano già chiuso in anticipo, ma la bandiera a scacchi alle 18:00 decreta la fine ufficiale della giornata di test MotoGP a Jerez. Maverick Viñales (con la bellezza di 101 giri a referto!) ha chiuso al comando, seguito dalle Suzuki di Alex Rins e di Joan Mir, svetta ancora la Honda di Takaaki Nakagami in quarta posizione. Da ricordare l’assenza di Fabio Quartararo, in grave difficoltà domenica per guai al braccio destro. Archiviata così la tappa a Jerez, tra meno di due settimane la MotoGP si sposta a Le Mans per il terzo evento del 2021.

A referto al mattino un incidente per Aleix Espargaró, causato dall’olio seminato in pista da Maverick Viñales (nessun guaio alla M1, solo una piccola perdita). Nessun problema per il pilota Aprilia, che in seguito ha continuato fino al primo pomeriggio, provando anche qualcosa in ottica 2022. Ben 54 giri a referto per Lorenzo Savadori, che continua il processo di adattamento alla RS-GP. Lavoro di set up per quanto riguarda le rosse di Pecco Bagnaia (qui le sue parole), Jack Miller e Johann Zarco, quest’ultimo in particolare per risolvere problemi di feeling accusati domenica. O c’è Enea Bastianini per esempio che ha svolto tante prove di set up soprattutto con gomme usate, saltando il time attack.

In casa Honda solo sette giri per Marc Márquez, fermato da dolori a spalla e braccio destri causati dallo sforzo in gara. S’è vista una nuova carena sulla RCV di Takaaki Nakagami, mentre nel pomeriggio registriamo una caduta per Pol Espargaró. Un solo pilota Monster Yamaha in azione, visto che Fabio Quartararo è tornato in Francia per controllare il suo braccio destro. Maverick Viñales ha svolto principalmente prove di set up. Prove comparative anche col motore 2022 per Joan Mir ed Alex Rins, oltre a set up sia meccanico che elettronico. Per il campione MotoGP in carica qualche prova anche con differenti geometrie. Per il #42 test chiusi anzitempo a causa di una spalla dolorante dopo il botto nelle FP4 (le sue parole).

Trapela poco dal box KTM, che non sta vivendo un inizio di stagione favorevole, tutt’altro. Ma Danilo Petrucci per esempio, pur non del tutto soddisfatto ed ancora alla ricerca della quadra, ha raccontato di aver continuato a provare le novità già portate nel corso del fine settimana. Aiuti per farlo stare più comodo vista la sua corporatura (come la nuova sella), o si continua alla ricerca di qualcosa che gli permetta di tornare a sfruttare la gomma posteriore, cosa che per il momento non gli riesce se è nuova. Anche se ammette di doversi ancora adattare al meglio al comportamento della RC16.

La classifica di giornata

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

kelso ortola ogden whatley moto3

Moto3: Kelso, Ortolá, Ogden e Whatley, ecco i primi rookie ufficiali

MotoGP, Andrea Dovizioso con la Yamaha M1

MotoGP, Dovizioso: Quartararo maestro di stile, ma lo stop pesa tanto

MotoGP, Valentino Rossi

Valentino Rossi: mani in pasta sul Mondiale, resta il rebus Aramco