nakagami motogp

MotoGP: Takaaki Nakagami faro Honda a Jerez. Ad un passo dal primo podio…

Takaaki Nakagami 4° alla fine di un gran GP a Jerez. Con un pizzico di rammarico per il podio mancato... Ma si dichiara "Orgoglioso della gara di oggi."

2 maggio 2021 - 19:40

Nel Gran Premio di Spagna c’è una Honda in particolare che ha brillato su tutte. Takaaki Nakagami si è messo in bella evidenza, come dimostra il gran 4° posto finale con cui ha chiuso questa quarta gara della stagione MotoGP 2021. L’alfiere LCR ha battagliato a lungo nelle zone alte, mancando poi il suo primo podio di categoria di soli sei decimi. È questo che l’ha lasciato per metà deluso, ma non gli si può certo dire niente. Con Marc Márquez ancora in ripresa, Pol Espargaró alla scoperta della RCV ed Alex Márquez caduto, è stato lui il vero mattatore di casa Honda sul tracciato andaluso.

“Sono contento di me stesso, è stata dura per 25 giri” ha raccontato Nakagami. Sottolineando però che “Sono orgoglioso della performance di oggi. Il passo è stato davvero veloce, ma abbiamo tenuto il ritmo fino alla fine. Siamo arrivati davvero vicino al podio, solo 6 decimi…” Per questo non era del tutto soddisfatto ‘a caldo’, una volta tornato al box. “In parte contento, in parte non dico di essere stato deluso, ma mi è venuto da piangere. Comunque il 4° posto è un ottimo risultato.” Frutto soprattutto di una gran seconda parte di gara. “Credo che uno dei punti forti di Honda, ma anche il mio, sia il finale di gara. Siamo riusciti a conservare le gomme e poi a migliorare negli ultimi giri.”

Da sottolineare, come ha ammesso lui stesso, che sulla sua RCV c’era il chassis 2020 aggiornato provato da venerdì e tenuto anche in gara. Un’ottima scelta, come dimostra il gran risultato ottenuto dal pilota giapponese. Probabilmente sarà uno degli aspetti da provare nel lunedì di test programmato a Jerez. “Sappiamo che proveremo qualche novità, ma ancora non abbiamo notizie precise. Dovremo parlare con HRC.” Un’altra buona notizia per lui è che non ha avuto alcun fastidio a livello fisico. “Nessun problema per quanto riguarda la lesione alla spalla” ha confermato Nakagami.

Si parla anche del sorpasso realizzato ai danni di Aleix Espargaró. “Gli sono rimasto per molti giri dietro, pensando a dove potevo superarlo” ha dichiarato. “Ho considerato l’interno dell’ultima curva, ma dalla curva 10 in poi c’era sempre una certa distanza e non riuscivo. Poi ho visto che i tempi di Fabio peggioravano, anche Aleix stava rallentando, e ho capito che dovevo approfittarne. Dovevo entrare all’interno in curva 4 per poi chiudere tutte le porte verso la curva 5. Lui però si è tenuto all’interno e ci siamo toccati: si può vedere che sulla mia spalla destra c’è un bel segno nero. Ma è stata una bella manovra e ne sono fiero.”

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Jack Miller sulla Ducati GP21

MotoGP, holeshot Ducati: nessuno provi a vietarlo!

bestia martin maro sava motogp

MotoGP, rookie a confronto: Bastianini, Martín, Marini e Savadori dopo 4 GP

MotoGP, Pecco Bagnaia e Luca Marini

MotoGP, ‘arm pump’: i commenti della VR46 Academy