stefan bradl motogp

MotoGP, Stefan Bradl: “Un po’ sorpreso, non correvo in Qatar dal 2016”

Stefan Bradl il più rapido nello shakedown MotoGP in Qatar, su pista non perfetta. Ma il programma odierno è completato. "Oggi concentrati sull'elettronica."

5 marzo 2021 - 22:02

Nella giornata dedicata a collaudatori, rookie e piloti Aprilia, in testa alla classifica dei tempi si è piazzato Stefan Bradl. Il tester HRC ha messo a referto 60 giri, il più prolifico in una giornata dalle condizioni difficili. Vento e sabbia in pista hanno condizionato i lavori, soprattutto nella prima parte di giornata. Ma il tester/sostituto ha continuato con il suo programma di lavoro, mettendo a referto un 1:55.614 che gli ha permesso di chiudere davanti. Come riferimenti, i tempi dei test 2020 ed il record assoluto sono lontani, ma non lo è altrettanto invece un certo 1:54.927 stampato da Jorge Lorenzo in gara nel 2016.

“All’inizio c’era molto vento, la pista era davvero sporca” ha raccontato Bradl ai microfoni di motogp.com a fine giornata. “Era difficile guidare, dovevi spendere tante energie per tenere la moto. In seguito le condizioni sono un po’ migliorate, anche se certo non erano perfette. Ma siamo stati in grado di fare ciò che dovevamo.” Un ritorno in Qatar dopo tanto tempo. “All’inizio sono rimasto un po’ sorpreso, è passato un po’ dall’ultima volta che ho corso in moto a Losail. Credo che l’ultima volta sia stata nel 2016.” Ma questo non l’ha distolto dal suo lavoro, anzi è andata bene fin da subito nonostante tutto.

“Mi sono subito sentito molto a mio agio” ha sottolineato il collaudatore tedesco di HRC. “Ho quindi avuto un feedback positivo sin dall’inizio, sono contento di come è andata la giornata.” Seguendo il piano prefissato. “Oggi ci siamo concentrati un po’ di più sull’elettronica, un punto di partenza per le prossime giornate. In seguito ci concentreremo su altre aree che abbiamo in lista, come il telaio, il motore, quello che ci è permesso fare. Finora sta andando tutto bene, ma c’è ancora molto da fare ed altri cinque giorni di test per farlo.”

La classifica di giornata

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

danilo petrucci motogp

MotoGP, Petrucci: ultimo GP in casa e le ipotesi Dakar-MotoAmerica

motogp luca marini

MotoGP, Luca Marini: “Proverò a stare coi primi, posso imparare molto”

bagnaia motogp

MotoGP, Bagnaia: “Quartararo indietro? Devo spingere come se fosse 2°”