MotoGP, Marc Marquez

MotoGP, Santi Hernandez: “Senza Marc Marquez non cambia nulla”

Santi Hernandez, capotecnico di Marc Marquez, al lavoro con Stefan Bradl neil primo test MotoGP a Losail. L'obiettivo è spianare la strada al Cabroncito.

4 marzo 2021 - 12:56

Marc Marquez accelera sul piano riabilitativo dopo la terza operazione all’omero, ma sarà assente al Test MotoGP in Qatar. Al suo posto il collaudatore Stefan Bradl che proseguirà nel lavoro di evoluzione della Honda RC213V, affiancato dal capotecnico Santi Hernandez. La stagione 2020 senza il Cabroncito ha costretto a rivedere piani, programmi e obiettivi. L’angolo di box abituato a lottare costantemente per la vittoria ha dovuto accontentarsi di svolgere un ruolo di tester. In una situazione difficile HRC ha mantenuto la calma, garantendo ogni sostegno anche in un campionato contrassegnato dal Covid-19.

La ripartenza senza Marc

Adesso si riparte dal test di Losail, Marc Marquez ancora grande assente, anche se il recupero sembra avvicinarsi. “Per il team e per HRC non c’è cambiamento – sottolinea Santi Hernandez -. Certo, vogliamo che Marc torni il prima possibile perché questo è il nostro obiettivo e il nostro pilota. Ma siamo felici di avere Stefan, perché l’anno scorso ha fatto un ottimo lavoro. Ora quello che vogliamo fare con Stefan e Honda è cercare di capire le nuove parti che abbiamo per questa stagione. Dobbiamo essere pronti per quando Marc tornerà e dargli il meglio per ottenere buoni risultati“.

Non si possono fare previsioni sul ritorno in pista del pluricampione MotoGP, decisiva la visita medica che terrà nelle prossime settimane. Il callo osseo dovrà solidificarsi al 100% prima di ottenere il via libera. Sarà poi il momento di rimettersi in moto e capire se sarà subito competitivo. “Ma quando lavori con un pilota come Marc, devi sempre pensare di provare a lottare per il titolo. E credo che anche lui penserà solo al titolo“. In Qatar Santi Hernandez e gli altri tecnici del box #93 continueranno senza modifiche al modo di lavorare. “Alla fine dobbiamo essere pronti per l’inizio della stagione. Marc Marquez è in una situazione diversa rispetto al passato, ma per la squadra e per la Honda non c’è cambiamento. Stiamo lavorando per migliorare rispetto all’anno scorso, le aree sono simili con Stefan come con Marc in passato. Dobbiamo essere pronti per quando Marc arriverà e cercare di fare del nostro meglio“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Jorge Lorenzo

MotoGP, Stefan Bradl: “Stupido l’atteggiamento di Jorge Lorenzo”

motogp ducati

MotoGP: Ducati, che inizio! Ora si può davvero sognare in grande?

alessandro zaccone motoe

MotoE, inizio “italiano” a Jerez. Zaccone: “Quest’anno ci divertiremo”