Sam Lowes ex pilota MotoGP

MotoGP, Sam Lowes spara a zero su Aprilia

Sam Lowes ripercorre la sua esperienza in MotoGP con Aprilia terminata dopo una sola stagione. E lancia dure accuse agli uomini della casa di Noale.

4 gennaio 2021 - 20:48

Sam Lowes non ha trovato la gloria in MotoGP e ha dimostrato di poter ambire al titolo Moto2. Per il britannico la classe regina è stata un’avventura di un solo anno, in sella all’Aprilia, nel 2017. Mai nella top-10, solo cinque punti in classifica, con una moto che ancora arrancava nei bassifondi della griglia. Non ha avuto una seconda opportunità, ha lasciato il posto a Scott Redding, anche lui destinato a lasciare la casa di Noale dopo una sola stagione.

Nell’ultimo campionato in Moto2 Sam Lowes ha lottato per il titolo mondiale fino all’ultimo, chiudendo terzo in classifica con la Kalex del team Marc VDS Racing. Resta un po’ di rabbia per aver dovuto lasciare la MotoGP anzitempo. E a distanza di tre anni analizza il difficile momento che continua ad attraversare il team veneto. “Se un altro pilota fosse salito sull’Aprilia e fosse andata bene, allora penserei in modo diverso. Ma alla fine è ancora uno scherzo“, dice in un’intervista a The-Race.com. Ancora non si conosce il nome di chi affiancherà Aleix Espargarò nel 2021, una condizione che a detta di Lowes non è giustificabile. “Come puoi raggiungere il livello più alto nelle corse, essere una squadra ufficiale e fare qualcosa del genere? È un bene per me, perché mi mostra che alcune cose stanno ancora accadendo“.

Sam dalla parte di Redding e Smith

D’altronde Sam Lowes è confortato dal fatto di non essere l’unico pilota ad aver fallito con Aprilia. “Subito dopo di me, anche Scott [Redding] ha sofferto, poi è andato al BSB e ha vinto gare e titolo. Poi è andato nel Mondiale Superbike e continua a vincere gare. Ora si parla di un suo possibile ritorno in MotoGP. Praticamente ha deriso Aprilia, ha lanciato la sua tuta al pubblico dopo aver terminato l’ultima [a Valencia 2018]. Ma è così che ti fanno sentire e ora è di nuovo davanti, perché è un fottuto grande pilota“.

A detta del 30enne britannico il problema principale è la mancanza di rispetto verso i piloti da parte di certi addetti ai lavori. “Ci sono solo degli idioti lì dentro, tutto qui. Persone idiote che semplicemente si coprono il culo e non capiscono come funziona. Non rispettano gli altri, nelle corse tutto si basa sul rispetto e a loro manca“. Secondo il suo punto di vista (poco condivisibile) la seconda sella ancora libera spetterebbe al suo connazionale Bradley Smith. “È ovvio che Bradley dovrebbe tenere quel posto se hai solo quei due piloti. È un gioco da ragazzi. Ma deve esserci qualcos’altro in ballo. Altrimenti, perché pubblicizzarlo in quel modo? Sembra stupido – ha concluso Sam Lowes -. È davvero strano e mi dispiace per loro“. A volte i piloti sparano a zero come fossero al bar…

7 commenti

David76
22:43, 5 gennaio 2021

Chi glielo ricorda al “grande Sam” che oltre essere perennemente 2/3 secondi più lento del suo compagno ha distrutto 33 moto in una stagione?!?!?!

Anonimus
13:58, 5 gennaio 2021

“A volte i piloti sparano a zero come fossero al bar…”
E grazie al cielo!! Fossero tutti come Sam, Cal, Scott, Jack e altri…. ormai la maggior parte dei piloti, durante le interviste, sembrano tutti dei “robot programmati” (cit. Cal) dalla Dorna!

voiedegarag_15199617
8:55, 5 gennaio 2021

“They’ve announced their riders for 2021 without announcing their riders,” Lowes continued. “How can you get to the top level of racing and be a factory team, but still do that?

E’ vero o non è vero ? E perché questa frase -assai significativa e fattuale- è “saltata” nel vostro pezzo (in cui non c’è neanche un link sull’intervista originale, peraltro) ?

Inoltre, tanto per memoria, quest’anno hanno detto di no a Aprilia :
– Dovizioso
– Bastianini
– Lorenzo
– Bezzecchi
– Crutchlow
– Tito Rabat ? Luca Marini ? altri ancora ?

Per fortuna che Sam Lowes ha un punto di vista “poco condivisibile”, perché sennò si direbbe che è piuttosto diffuso !

Se l’Aprilia ha vinto l’ultimo e 23° titolo mondiale piloti nel 2014 (WSBK, Guintoli) un motivo forse c’è.

    Paolo Gozzi
    9:02, 5 gennaio 2021

    Il nostro “poco condivisibile” non è riferito al merito, perchè ovviamente Sam Lowes può avere l’opinione che crede sui suoi ex datari di lavoro. Si riferisce ai toni: ha usato toni offensivi (che abbiamo volutamente omesso) che avrebbe potuto evitare. Parecchi piloti di questa epoca non si rendono conto di essere personaggi pubblici, e quando parlano coi media dovrebbero tenere un contegno più consono al loro ruolo.

      voiedegarag_15199617
      9:30, 5 gennaio 2021

      Il problema è solo la forma dunque ?
      Forse anche un po’ di rancore per quel contratto biennale non rispettato, magari, sa quel contratto di cui non avete assolutamente parlato ?

      Si può veramente criticare il contegno altrui quando si pubblicano pezzi oggettivamente incompleti e a mio avviso tendenziosi come questo ?
      Guardi, che Aprilia sia un cliente pubblicitario io lo capisco, ma allora gli articoli così semplicemente non si pubblicano, e pace amen !

      Per fortuna che il livello medio su corsedimoto.com è ben più alto…

d.bonafini1_15181386
5:56, 5 gennaio 2021

Sam Lowes parla di rispetto ma non si rende conto di essere un arrogante, che sputa dove ha mangiato, le critiche possono essere giuste ma se si parla di pretendere rispetto dagli altri, non è certo questo il modo di esprimersi. Aprilia è un costruttore di moto che ha nel suo palmares tanti mondiali, certo non nella classe regina, non è semplice nella moto GP di oggi dove servono ingenti capitali. Sam Lowes dovrebbe evitare di parlare per conto di altri piloti e di situazioni non inerenti a sé stesso, cominci a crescere come uomo perché per adesso è solo un pilota molto arrogante, impari a portare rispetto per il lavoro altrui, altrimenti
rimarrà il classico bifolco Inglese.

    fabu
    10:30, 5 gennaio 2021

    coloro che hanno messo pollice verso dovrebbero andare a leggersi l’intervista originale su the-race.com (come indicato nell’articolo).
    “There are just some fucking dickheads in there, that’s it. Some dickhead people who just cover their arses and don’t understand the way it should work”.
    lascio a voi la traduzione letterale.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi nel box Yamaha

Valentino Rossi e Ramon Forcada: la sfida continua… ma sarà diversa

MotoGP, Danilo Petrucci

MotoGP, Danilo Petrucci: “In Ducati la colpa è sempre del pilota”

Marc Marquez e Alex Marquez

MotoGP, spostamenti tecnici da e verso il box di Marc Marquez