MotoGP, Maverick Vinales

MotoGP, retroscena Vinales-Galbusera: Yamaha guarda al mercato piloti

Nel week-end MotoGP in Catalunya esordirà Silvano Galbusera al fianco di Maverick Vinales. Se non arriveranno i risultati Yamaha penserà ad un altro pilota.

3 giugno 2021 - 19:01

Nel paddock MotoGP di Barcellona riecheggia il cambio ai box di Maverick Vinales. Dopo la vittoria nella gara di esordio a Losail ha perso il feeling con l’anteriore, senza riuscire a trovare delle soluzioni. Da due anni ha iniziato a collaborare con Esteban Garcia, per poter stabilire un rapporto più “personale” rispetto all’ex capotecnico Ramon Forcada. Ma il cambio non ha sortito gli effetti sperati. Da qui la decisione dei vertici Yamaha di calare la carta Silvano Galbusera, ex di Valentino Rossi, con cui ha sfiorato il titolo MotoGP nel 2015.

Una strategia decisa dai vertici Yamaha più che da Maverick Vinales. “Sinceramente ho un ottimo rapporto con Esteban, ho molta fiducia in lui, ma la Yamaha cerca sempre di darmi il massimo, vedremo come andrà con Silvano. Ha tanta esperienza, ha passato tanti anni con Valentino e questo è un bene”. Il neo papà sottolinea che non c’è nessun nesso con il precedente divorzio da Forcada. “È tutta un’altra storia. La Yamaha ha cercato una strategia diversa, perché a volte era difficile trovare un buon assetto ed equilibrio sulla moto. La Yamaha vuole darmi il massimo, per questo hanno forzato questo cambio”.

Una sella che traballa

Negli ultimi quattro round MotoGP Maverick Vinales era veloce nelle FP1, per poi regredire nel corso del week-end. Ma non cerca scuse, dinanzi ai risultati di Fabio Quartararo ogni alibi non regge. Yamaha ha optato per un cambio di direzione repentino, perché la classifica rischia di farsi già difficile per l’alfiere di Roses. “La moto è fantastica e non possiamo perdere questa opportunità, perché non hai una moto fantastica ogni anno”. Con Garcia resta un rapporto sereno, “è prima di tutto un amico prima che il mio capotecnico… il nostro rapporto continuerà. Ma d’altra parte capisco benissimo che ho un compagno di squadra che sta vincendo e non siamo entrati nella top 10“.

Si gioca una bella fetta di carriera Vinales. Il mercato piloti MotoGP è sempre in agguato e Yamaha potrebbe decidere di sostituirlo in vista della stagione 2023. “Se fossi in Yamaha lo farei anche io. Hanno investito molto e non sto dando i risultati che la squadra si aspetta da lui, lo farei anche io. In questo mondo vali quello che vale la tua ultima gara. Ho visto un grande cambiamento in Yamaha, penso che sia una moto che può vincere il mondiale e sta andando forte… Se non mi adatto alla moto, è un dato di fatto. Ci sono tanti altri piloti. Ma con questo cambio di strategia vedo che la Yamaha è fiduciosa nel mio potenziale e che posso farcela“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

1 commento

FRA 1988
19:15, 3 giugno 2021

La carriera di Vinales l’ho vissuta dagli esordi all’approdo in Moto3. Non si può dire che fosse brocco dato che ha vinto gp fin dal suo debutto di 10 anni fa.
Ci ho sempre creduto e in Suzuki mi aveva fatto pensare”questo con una moto più competitiva si gioca il titolo”. Nulla di tutto questo e non si può dire che non sia una delle peggiori delusioni del decennio.
Ma non perchè sono haters( ci mancherebbe) ma per
le aspettative che mi ero fatto su Maverick.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi e i ragazzi della VR46 Academy

Valentino Rossi semina in MotoGP: VR46 marchio indelebile

moto3 sachsenring

Moto3, al Sachsenring un solo successo italiano con Dalla Porta

motogp morbidelli

MotoGP, Morbidelli: “Vorrei la positività di Valentino Rossi nei momenti difficili”