MotoGP, Valentino Rossi e Fabio Quartararo

MotoGP, Quartararo: “Mi sono guadagnato il posto di Valentino Rossi”

Fabio Quartararo sarà l'erede di Valentino Rossi dalla stagione 2021 di MotoGP. Ma ammette: "Da piccolo fotografavo tutto quello che avesse un 46".

5 giugno 2020 - 10:00

La stagione MotoGP 2020 dovrebbe essere l’anno dell’exploit per Fabio Quartararo, almeno in teoria. Dopo i sette podi e le sei pole dello scorso anno ha conquistato la fiducia del team Yamaha factory che lo ha scritturato per il prossimo biennio. Sarà lui l’erede del nove volte campione del mondo Valentino Rossi. L’emergenza Covid lo costringe ad attendere, ma il 21enne di Nizza scalpita per tornare in pista come un purosangue. Nella sua Andorra prosegue gli allenamenti in moto da cross, ma prossimamente è previsto un allenamento con la R1, probabilmente in Catalunya, dove hanno girato i vari Rins, Aleix Espargarò, Zarco, a breve Vinales.

FABIO SENZA PRESSIONE

Quando il 19 luglio si partirà da Jerez, saranno stati quattro mesi e mezzo senza guidare. “Però a Jerez ti abitui velocemente, lì abbiamo sempre girato tanto – racconta Fabio Quartararo a Paolo Ianieri di ‘La Gazzetta dello Sport’ -. L’unica differenza è che ci sarà la temperatura molto più alta che a maggio“. Ad alzarsi non saranno solo le condizioni climatiche, ma anche la pressione esterna. Aver preso il posto di Valentino Rossi richiederà una decisa risposta in termini di risultati, possibilmente la prima vittoria in MotoGP. “Io non ho pressione. L’avrei se non avessi una moto per i prossimi anni, invece ho firmato con Yamaha fino al 2022. Non devo vincere a tutti i costi, ma se un anno fa l’obiettivo iniziale era provare a fare la top 10, ora è di stare nei 5, giocarsi podi, vincere“.

L’EREDE DEL DOTTORE

Da molti è additato come l’anti Marc Marquez. Riuscirà il ‘best rookie 2019’ ad avere la meglio contro il pluricampione di MotoGP? Dalla sua parte c’è l’età. E un team deciso a tornare sul tetto del Motomondiale quanto prima. Da parte sua Fabio Quartararo ha ancora margine per migliorarsi. “Lo scorso anno soffrivo il ritmo gara, ma nei test in Qatar il mio era un passo spettacolare. E credo che in gara andremo ancora meglio“. Per tutti sarà il pilota che prenderà il posto del leggendario Valentino Rossi. “Dopo questa intervista pubblicherò su Instagram una foto divertente legata a lui: da piccolo, ogni volta che ero nel paddock facevo una foto a tutto quello che avesse un 46. Fosse un camion, l’hospitality, lo scooter o Valentino Rossi, scattavo. Così tutto questo è molto speciale, e strano, perché il mio sogno è sempre stato di guidare con lui. Ci sono riuscito, spero di farlo pure nel 2021“.

UNA SELLA MERITATA

Al termine di una delle gare virtuali Valentino Rossi e Fabio Quartararo hanno scambiato qualche battuta, nessun accenno alla firma o al fatto che prenderà il suo posto. Ma il veterano di Tavullia più volte ha sottolineato come Yamaha abbia fatto una scelta condivisibile. “Lo scorso anno non è che abbia fatto solo una bella gara. Ho fatto risultati buoni quasi tutta la stagione, sono sempre stato molto veloce e penso che quel posto me lo sia meritato. Valentino lo sa e per questo ha detto quelle cose… Quando ho firmato mi sono chiesto come i tifosi di Valentino mi avrebbero visto, se sarebbero stati o meno contenti. Spero stiano dalla mia, anche io alla fine sono un suo fan, preferirei avere più fan che haters“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, l’ex di Marc Marquez in topless… per uscire dall’ombra

MotoGP, Cal Crutchlow

MotoGP, Crutchlow scopre le carte: “Con Honda è finita, Aprilia stimolante”

MotoGP, Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi e Yamaha Petronas: ipotesi contratto biennale