MotoGP, Fabio Quartararo e Marc Marquez

MotoGP, Quartararo-Marquez: Honda sogna il nuovo ‘dream team’

Fabio Quartararo corteggiato da due team MotoGP per la stagione 2023. Uno di questi è la Honda, che sogna il "dream team" fallito con Jorge Lorenzo.

17 ottobre 2021 - 14:42

Eric Mahé, il manager di Fabio Quartararo, ha aperto le danze del mercato piloti MotoGP. In una recente intervista alla stampa francese ha lasciato intendere che l’alfiere Yamaha, vicinissimo alla conquista del suo primo Mondiale, è stato già contattato da due squadre… e mezzo. A prima vista sembra un vecchio modo per fare pressione sulla Casa di Iwata, al fine di garantirgli un rinnovo con ingaggio superiore e una YZR-M1 che rispecchi le sue reali esigenze. Da anni tutti i piloti del marchio esigono un prototipo più veloce sul rettilineo, senza però perdere nelle altre aree tecniche.

Nel week-end di Austin il leader della MotoGP aveva già manifestato qualche dubbio sulla moto 2022. Si resta quindi in attesa della versione finale che vedremo solo nei test invernali del prossimo anno. Nel recente test di Misano si è intravisto ben poco della Yamaha M1 della prossima stagione, sicuramente ci sarà molto di più a Jerez, dove si terrà l’ultimo test ufficiale a metà novembre. Eppure Fabio Quartararo, che ancora deve incassare il suo primo titolo iridato, sembra dettare il ritmo non solo in pista ma anche dietro le quinte.

Honda e KTM sondano Quartararo

La domanda che tutti si pongono è chi siano i due team che hanno provato a dialogare con il francese. Da escludere Ducati, che ha giù manodopera in abbondanza nei suoi team, che dal 2022 saranno ben quattro. Pecco Bagnaia vedrà quasi sicuramente riconfermato il suo contratto, Jack Miller potrebbe rischiare qualcosa a spese di un giovane dal team satellite, Jorge Martin primo fra tutti. Possiamo escludere anche Aprilia, che di recente ha scritturato Maverick Vinales, su cui ha deciso di puntare anche qualora Aleix Espargarò decida di chiudere la carriera alla fine del prossimo campionato. E Suzuki ha in mente di rinnovare sia con Alex Rins che con Joan Mir, ammesso riesce a convincerli con un pacchetto competitivo dopo il prossimo inverno.

Restano quindi KTM e Honda. La casa giapponese potrebbe pensare di chiudere la collaborazione con Pol Espargarò? Il pilota di Granollers non ha mai trovato una buona intesa con la RC213V, non ha rispettato le aspettative riposte in lui. Anche se molto dipenderà dai risultati che saprà raccogliere all’inizio del prossimo Mondiale. In questo modo Alberto Puig ritornerebbe ad inseguire quel “dream team” fallito con Jorge Lorenzo. La seconda struttura sottintesa da Eric Mahè potrebbe essere KTM. Il team austriaco ha forse capito che non può puntare sempre e solo sui giovani per ambire alle posizioni importanti. In MotoGP occorre anche talento allo stato pure e Fabio Quartararo potrebbe calzare a pennello della KTM, che può contare su budget importanti derivanti dal suo main sponsor Red Bull.

“58” il racconto illustrato ispirato al mito SIC58,  In vendita anche su Amazon Libri

2 commenti

corsedimot_15035767
17:34, 17 ottobre 2021

Spero che Honda non commetta questo grave errore. Ci sono altri piloti promettenti da affiancare a Marc, non uno che si ponga da subito come antagonista del loro pilota di punta.

FRA 1988
15:22, 17 ottobre 2021

Quartararo è abbastanza intelligente da capire che andare alla Honda sarebbe una disfatta annunciata.
Lavorano in funzione di Marquez e il suo compagno
sarà solo una comparsa fin quando il 93 correrà
in Honda. Fabio ha una guida totalmente diversa e
non farebbe nulla in Repsol.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Iker Lecuona

MotoGP, Iker Lecuona critica KTM: “Non è corretto”

MotoGP, Alberto Puig

“MotoGP senza Valentino Rossi? La vita va avanti”: la freddura di Puig

MotoGP, Aleix Espargaro

MotoGP, trattativa Aprilia-Espargarò: rinnovo o ipotesi collaudatore