MotoGP, Alberto Puig

MotoGP, Puig: “Dovizioso ha chiesto di guidare la Honda”

Alberto Puig agita le acque della MotoGP ancora ferma in quarantena. "Gli sembra strano il rinnovo di Márquez? Lui ha chiesto di guidare una Honda..."

1 maggio 2020 - 19:55

La quarantena può giocare brutti scherzi, soprattutto ad un personaggio dal grilletto facile come Alberto Puig. Il team manager Honda ha sempre mostrato un certo astio nei confronti della Ducati, non ha mai risparmiato bordate al team emiliano di MotoGP. Ed ecco l’ultima dalla trincea dell’isolamento. E’ bastato che Andrea Dovizioso dicesse che sembrava strano il rinnovo quadriennale di Marc Márquez per passare al contrattacco.

Nessuna volontà di attacco da parte del Dovi che non molto tempo fa ha commentato il contratto del Cabroncito. “Sono rimasto molto sorpreso e non me lo aspettavo. In effetti, avevo un’idea completamente diversa di ciò che Marc avrebbe fatto. Ma con decisioni così importanti, ci sono sempre cose che accadono in background che non sappiamo. È una decisione strana per me. Mi aspettavo che prendesse un’altra moto, ma posso immaginare che avesse le sue ragioni“.

A rispondere ci pensa il velenoso Alberto Puig: “Qualche tempo fa, non molto tempo fa, Andrea Dovizioso è venuto da noi e ci ha chiesto se poteva guidare una Honda. E all’improvviso non voleva più la moto. Non lo capisco. Sa di cosa sto parlando“, ha detto a Speedweek.com. Andrea Dovizioso dal canto suo non ha mai nascosto di voler sfidare Marc Márquez alla pari, in sella alla Honda. Il suo manager Simone Battistella ha inoltre mandato una sorta di ultimatum a Ducati nei giorni scorsi. Ma ancora una volta il manager ed ex pilota catalano ha usato le parole sbagliate nel momento sbagliato. A mettere un po’ di pepe sulla MotoGP ancora in quarantena si dimostra il numero uno.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

KALEX Moto2

Moto2, la tecnica: il dominio del telaio KALEX

MotoGP, Davide Tardozzi

MotoGP, Tardozzi: “Jack Miller-Ducati, vicini ad una decisione”

Valentino Rossi a Misano

Valentino Rossi, Franco Morbidelli e la favola di Tavullia