miguel oliveira motogp

MotoGP, Miguel Oliveira: “Team factory stressante? Direi l’opposto”

Miguel Oliveira quest'anno coi colori KTM Factory. "Programma serrato, ma mi sento a mio agio." E su Losail: "Non la pista più adatta per i test, ma vale per tutti."

10 marzo 2021 - 12:20

Nel primo round in test MotoGP in Qatar abbiamo avuto anche l’esordio dei primi cambi di colori. Un esempio è Miguel Oliveira, ‘promosso’ nel team factory KTM accanto a Brad Binder. Il pilota portoghese ha chiuso i primi due giorni di prove ufficiali come il migliore della truppa della fabbrica austriaca, che rispetto agli altri ha fatto vedere ben poco riguardo le sue novità. Vista la stagione 2020, non è certo il caso di sottovalutare il quartetto arancione. “Non ci hanno ancora fatto vedere tutto il loro potenziale” ha rimarcato in proposito il ducatista Jack Miller.

Oggi si riparte per altri tre giorni, ma intanto il primo approccio in Red Bull KTM Factory è stato più che positivo per Oliveira. “Mi sono divertito” ha sottolineato l’unico portoghese in MotoGP dopo le prime uscite. Apprezza molto il suo nuovo ruolo. “Il programma è serrato, ma mi sento a mio agio. Il team factory stressante? Direi l’opposto: più persone, ma ognuno ha un compito ben preciso, quindi è un’organizzazione molto efficace.” Su cosa deve concentrarsi in questi giorni? “Soprattutto sull’anteriore. Il team poi ha alcune idee, speriamo di migliorare il nostro pacchetto. Sappiamo di cos’abbiamo bisogno per essere più veloci.”

Non nasconde poi il fatto di non essere un grande fan della pista di Losail. “Non è il circuito migliore per svolgere dei test” ha ammesso. In linea anche con quanto detto anche dal collaudatore Dani Pedrosa. “Mi ha detto che non è il tracciato migliore per la KTM” aveva dichiarato in proposito Danilo Petrucci. Ma Oliveira non si lamenta. “È un discorso che vale per tutti. Noi dobbiamo solo pensare a rimanere concentrati ed a non commettere errori.” Ultimi tre giorni quindi per continuare a provare e trovare gli aggiustamenti necessari in vista del doppio round inaugurale a Losail.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Sandro Garbo celebra Rossi in fumetto “Il mio Vale regala sorrisi”

brad binder motogp

MotoGP, Brad Binder miglior KTM: “Quasi con il gruppo del podio”

canet moto2

Moto2: Aron Canet, l’emozione del primo podio in classe intermedia