miguel oliveira

Miguel Oliveira: “Iker Lecuona un grande aiuto per il 2020”

Miguel Oliveira continua il processo di recupero per il 2020. Intanto osserva le novità KTM nei test e più in particolare il nuovo compagno di box Iker Lecuona.

26 novembre 2019 - 11:48

Uno degli assenti di questi test è Miguel Oliveira, l’uomo di punta del team Tech3. Il pilota portoghese si è visto costretto a saltare il round finale di questa stagione per un problema ad una spalla, risolto con un intervento. Chiaramente è fuori causa anche per le due sessioni di test disputate in questi giorni. Il processo di recupero continua, il vice-campione Moto2 2018 però tornerà in azione non prima di Sepang. In quell’occasione affiancherà il nuovo compagno di box, Iker Lecuona, che sta già osservando con particolare attenzione.

“Non è facile essere costretto a rimanere a casa” ha dichiarato Miguel Oliveira in collegamento telefonico ad ‘After The Flag’, il programma di approfondimento post test. “Dopo la Malesia però sapevo cosa dovevo fare e mi sono operato. Ora sto pensando solo a preparare la stagione 2020.” Non si perde però un solo dettaglio di quanto accade nel corso delle ultime prove ufficiali: “Lo sviluppo della moto sembra stia procedendo bene. Avevamo già avuto qualche anticipazione da KTM, soprattutto qualche feedback da parte delle persone che lavorano con Dani [Pedrosa]. Avere questo tipo di informazioni sia da lui che da Pol [Espargaró] è davvero molto importante per il team ed anche per me.”

Ricorda poi il botto di cui si è reso protagonista a Phillip Island, un incidente che ha peggiorato la condizione della sua spalla. “Sicuramente è stata la caduta più paurosa che abbia avuto in MotoGP. Da dire però che c’era molto vento: una situazione in cui ‘tenti di sopravvivere’ più che guidare. Poteva andare molto peggio, fortunatamente me la sono cavata.” Parla poi anche del nuovo compagno di squadra, Iker Lecuona. “Sono contento del suo arrivo. Lo ammetto, inizialmente ero un po’ scettico: a Valencia vedeva la moto per la prima volta, c’era il nervosismo per l’esordio. Invece devo dire che ha fatto un gran lavoro. Sarà davvero un grande aiuto per il 2020: ci spingeremo a vicenda!”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jack Miller e Valentino Rossi

Valentino Rossi in Formula 1, Jack Miller: “Preferisco il rally”

Jorge Lorenzo

Jorge Lorenzo ritorna a Lugano: tempo di affari e incognita MotoGP

MotoGP, Andrea Dovizioso e Marc Marquez

MotoGP, Dovizioso provaci ancora: Marquez obiettivo non impossibile