MotoGP, Maverick Vinales

MotoGP, Maverick Vinales: “Smetterò prima di Valentino Rossi”

Maverick Vinales ammette un senso di smarrimento alla fine della stagione MotoGP 2020. E su Valentino Rossi: "Lo ammiro, ha una motivazione incredibile".

24 dicembre 2020 - 13:40

Il doppio podio di Jerez aveva lasciato immaginare ben altra stagione per Maverick Vinales. Poi una sola vittoria a Misano, il resto quasi buio totale. L’assalto al titolo MotoGP si è spento da subito, dopo le pessime prestazioni a Brno e in Austria. E il finale del Mondiale è altrettanto triste con una sola top-10 nelle ultime tre gare. Si dice “seccato perché non aveva capito niente“, ma ora si sente “più forte che mai” per tornare carico nel 2021 e ambire al titolo. “Sono stato calmo a casa, riflettendo e cercando di capire cosa dovremmo migliorare. È importante sbarazzarsi dei cattivi sentimenti dell’anno“.

In un’intervista a Europa Press Maverick Vinales elenca anche gli aspetti positivi di questo 2020. “Sono riuscito a finire primo nel team, il che era importante. Ho dato alla Yamaha buone indicazioni per migliorare“. Di negativo ci sono i risultati su alcuni tracciati dove la mancanza di grip al posteriore ha impedito di esprimersi al meglio. “Si passa dalla vittoria di una gara al decimo posto e questo è super negativo per la testa di un pilota. È molto difficile affrontare quella situazione perché non sai mai dove sarai e questo rende tutto difficile“. Per il prossimo impegno MotoGP la priorità è trovare maggiore trazione. “Abbiamo cercato di migliorare questo punto per alcuni anni, quindi non è un compito facile. Ma ce la faremo, sono positivo a questo riguardo. Ho imparato ad essere paziente. La mia più grande virtù quest’anno è la fiducia“.

Alla carica dopo la pausa invernale

Nella pausa invernale continuerà a migliorarsi sia mentalmente che fisicamente. Bisogna mantenere alte le motivazioni, allenarsi senza correre rischi. “Miglioreremo perché la Yamaha sta facendo di tutto. Questa situazione non è facile per loro perché è un marchio vincente – ha aggiunto Maverick Vinales -. Scommetteranno tutto… Questo Natale lo trascorrerò a casa. Non vedrò la mia famiglia, soprattutto lo faccio per mio nonno. Non si sa mai, si può risultare negativi e poi prendere il Covid in viaggio. Quindi niente, resto a casa“. La prossima stagione MotoGP dovrebbe avere un calendario più regolare, senza gare ripetute sullo stesso circuito. Un aspetto non da poco che potrebbe sconvolgere nuovamente gli equilibri, senza nulla togliere a Joan Mir. “Sono davvero felice per Joan e per Suzuki. Se lo meritano e hanno lavorato duramente per ottenerlo. I rivali sono stati migliori di noi“.

Dal 2021 avrà un nuovo compagno di squadra. Al posto di Valentino Rossi arriverà Fabio Quartararo, con il Dottore che vestirà la livrea Petronas SRT. Vinales riconosce che il 41enne di Tavullia ha “una motivazione incredibile. È stupendo. Lo ammiro molto. Penso che smetterò molto prima di lui“. Infine l’augurio di rivedere presto in griglia Marc Marquez. “Gli mando un messaggio di sostegno, che si riprenda bene e speriamo di vederlo gareggiare al vertice nel 2021. È uno dei personaggi più importanti nel mondo del motociclismo e averlo lì ti motiva ad andare più forte“.

1 commento

fzanellat_12215005
14:58, 24 dicembre 2020

Vinales non è un pilota scarso ma il suo limite evidente
sta nel carattere. Penso che la sua carriera sia molto
simile,anche negli alti e bassi, a quella di Melandri.
Tutti e due bravi ma troppo ondivaghi sia nelle prestazioni che nelle parole del dopo gara.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi e Andrea Dovizioso

Test MotoGP, Valentino Rossi cambia programma. ‘Dovi’ più aggressivo

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo: “Da Dovizioso aspettiamo info su Ducati”

iker lecuona motogp

MotoGP, Iker Lecuona: “Devo mantenere lo stesso spirito di sempre”