MotoGP, Marc Marquez

MotoGP, Marc Marquez: “Stagione difficile, non puoi fare errori”

Marc Marquez prevede una stagione MotoGP abbreviata, dove un errore può costare caro: "Non ci sarà tempo per recuperare i punti persi".

22 aprile 2020 - 18:03

Marc Marquez proverà a riconfermarsi in una stagione MotoGP inedita, che resterà ahimè negli anni di storia del Motomondiale. Difficile prevedere un inizio prima di agosto, nella migliore delle ipotesi si prospetta un campionato dimezzato. Gare ravvicinate e probabilmente su tracciati anche inediti per la classe regina, anche se tutto resta in forte dubbio. La priorità è vedere spegnersi la pandemia di Coronavirus, solo allora si potrà cominciare a programmare. “Se abbiamo una stagione più breve, sarà difficile perché devi correre più rischi“.

Il campione della Repsol Honda parla in un video di Motogp.com, immagina un calendario con pochi GP e le sue conseguenze. “Non puoi permetterti un errore perché non c’è tempo per recuperare i punti persi“. La sua continua ricerca del limite sarà messa a dura prova, la costanza di risultati avrà il suo peso decisivo per la corsa al Mondiale. “Ovviamente non è sufficiente provare a raggiungere il traguardo – ha aggiunto Marc Marquez –, perché la stagione è troppo breve per avere successo con questa strategia“.

L’ATTESA INFINITA

Sarà uguale per tutti i piloti, sarà comunque e sempre una sfida ad armi pari (o quasi). Pensarci è ancora prematuro, la vera vittoria sarà cominciare. “Non sono ancora preoccupato per questo. Se abbiamo un calendario, analizzeremo tutto e imposteremo la strategia… Al momento, la cosa più importante è seguire le linee guida del governo e degli esperti. Dobbiamo rimanere a casa e avere pazienza ancora un po’. Ovviamente non è facile sedersi a casa tutto il giorno. Ecco perché ho un programma che sto seguendo in questi giorni“.

Marc Marquez cerca di darsi un programma giornaliero, con ritmi ben scanditi da orari precisi. La spalla è quasi tornata al top della forma, sarà al 100% in occasione della prima gara. “Dopo il risveglio, mi alzo, faccio colazione e faccio esercizio fisico“. Il campione di MotoGP può vantare di trascorrere la quarantena con il suo nuovo compagno di box, suo fratello Alex. “Sono fortunato che mio fratello sia con me. Possiamo giocare a calcio insieme in giardino o passare il tempo con la PlayStation. Per qualche ragione non mi piace come lui“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

KALEX Moto2

Moto2, la tecnica: il dominio del telaio KALEX

MotoGP, Davide Tardozzi

MotoGP, Tardozzi: “Jack Miller-Ducati, vicini ad una decisione”

Valentino Rossi a Misano

Valentino Rossi, Franco Morbidelli e la favola di Tavullia