MotoGP, Marc Marquez a Portimao

MotoGP, Marc Marquez: “Pensare di vincere sarebbe un errore”

Marc Marquez è arrivato nel paddock della MotoGP a Portimao nella giornata di mercoledì. L'obiettivo è iniziare a salire in moto: "Il braccio non è al 100%".

15 aprile 2021 - 11:18

Marc Marquez è arrivato mercoledì a Portimao per la sua prima gara stagionale in MotoGP. Dopo 9 mesi di stop il campione del team Repsol Honda riprenderà la corsa al titolo mondiale. E per velocizzare i tempi è andato subito ai box per parlare con tecnici e meccanici. Al rientro troverà una RC213V abbastanza diversa da quella lasciata a Jerez lo scorso luglio. Ma riparte con un vantaggio del regolamento “straordinario”: il motore V4 resta congelato al 2020.

All’aeroporto El Prat di Barcellona, prima di involarsi verso il Portogallo, ha parlato ai microfoni di TVE. “Mi sento bene, migliorando ogni settimana le sensazioni“, racconta Marc Marquez. “L’importante è che il passo più importante nella ripresa, che è il ritorno alle competizioni, lo faremo questo fine settimana a Portimao“. La parola d’ordine per questo week-end di MotoGP sarà massima prudenza, in attesa del prossimo round a Jerez. “Voglio salire in moto, logicamente con le farfalle nello stomaco, perché dopo nove mesi costerà un po’. Andremo per gradi bruciando tappe e con pazienza“.

Nessun obiettivo di vincere ad ogni costo. La stagione 2021 è appena iniziata e raccogliere i primi punti sarebbe già un ottimo traguardo. “In questo momento pensare a vincere o a un qualsiasi risultato credo sarebbe un errore. Anche solo pensare al campionato sarebbe un errore“. Tre interventi chirurgici non possono non lasciare il segno, dopo aver vissuto l’incubo di non poter tornare più in MotoGP. Per un breve periodo il rischio osteomielite era più che un semplice timore. E la condizione fisica non è ancora ottimale. “Il braccio non è al 100% a livello muscolare e ora è il momento di bruciare questa fase della salita, devo prendere confidenza in moto. Non so quanto tempo sarà necessario. Spero sia il più breve possibile – ha concluso Marc Marquez -, ma cercheremo di farlo nel migliore dei modi“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Jack Miller sulla Ducati GP21

MotoGP, holeshot Ducati: nessuno provi a vietarlo!

bestia martin maro sava motogp

MotoGP, rookie a confronto: Bastianini, Martín, Marini e Savadori dopo 4 GP

MotoGP, Pecco Bagnaia e Luca Marini

MotoGP, ‘arm pump’: i commenti della VR46 Academy