di giannantonio motogp

MotoGP, l’entusiasmo di Di Giannantonio: “C’è tutto in questa moto”

Fabio Di Giannantonio estasiato dopo il primo giorno a Jerez con la Ducati MotoGP. "Tante cose nuove, ma la moto è fantastica."

18 novembre 2021 - 18:33

Sono due gli esordienti italiani in MotoGP quest’anno. Oltre a Marco Bezzecchi, anche Fabio Di Giannantonio ha avuto l’opportunità di iniziare a conoscere la Ducati con cui disputerà la sua prima stagione in top class. Il pilota del team Gresini Racing è chiaramente estasiato dopo il primo giorno di test con la Desmosedici GP21. Chiaramente per lui nulla da provare, solo avvicinarsi gradualmente al giusto feeling in sella. Per lui 48 giri a referto con il miglior crono stampato proprio all’ultimo, ma ovviamente i tempi ora contano poco.

Serve girare, imparando dai più esperti della categoria, soprattutto dai compagni di marca. “Il giorno più bello della mia vita!” Già da queste parole si capisce tutto l’entusiasmo di ‘Diggia’ a conclusione del giovedì a Jerez. “La moto è semplicemente fantastica, c’è tutto quello che ho sempre cercato in una moto. Il tipo di frenata, la percorrenza, il feeling a centro curva, l’uscita di curva, la potenza… C’è tutto.” Certo sottolineando anche che “Abbiamo un sacco di lavoro da fare per arrivare con i migliori.” Per ora ovviamente prevale la gioia di essere in MotoGP.

Un primo contatto positivo, con tantissime cose da imparare passo dopo passo. “Devo capire bene le gomme, come lavorare con l’elettronica… Certamente ci sono tante cose nuove per me, ma la base di partenza non è male.” Come detto, osservando anche i top riders. “Sono molto precisi, hanno il controllo della moto. Ho seguito un po’ Jack [Miller] e Pecco [Bagnaia]: nelle due curve dietro di loro ho imparato più di quanto abbia fatto tutto il giorno da solo.”

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Casey Stoner

MotoGP, Casey Stoner rivela: “Sono interessato alla Yamaha”

MotoGP, Joan Mir

MotoGP, Suzuki ha deciso: non serve un nuovo team manager

MotoGP, Takahiro Sumi

MotoGP, Takahiro Sumi: i segreti della Yamaha e la YZR-M1 2022