MotoGP, Jorge Lorenzo

MotoGP, Jorge Lorenzo: “Valentino Rossi uomo molto intelligente”

Jorge Lorenzo e Valentino Rossi, due veterani ed ex avversari nel box Yamaha per ambire al titolo MotoGP: "Ora tra noi c'è più empatia".

28 febbraio 2020 - 18:52

Jorge Lorenzo continua ad alternare dolce vita e carriera MotoGP, collaudatore di una Yamaha che ritorna a condividere con Valentino Rossi. Una scelta che ha fatto tanto discutere il mondo del paddock, lasciando di stucco fan, colleghi e, soprattutto, il suo ex team Honda. Per il maiorchino il prossimo test è in programma a Motegi, salvo rinvii o spostamenti che potrebbero rivelarsi necessari per l’allerta coronavirus qualora non dovesse rientrare in tempi brevi.

L’obiettivo di Jorge è limare qualche difetto della M1 2020, così da dare a Fabio Quartararo, Maverick Vinales, Valentino Rossi e Franco Morbidelli una moto vincente. E soprattutto contribuire all’evoluzione del prototipo 2021, perché Yamaha vuole tornare quanto prima alla vittoria. Le basi umane e tecniche ci sono per poter battere Marc Márquez, ma è un traguardo da costruirsi step by step. A breve termine il pentacampione potrebbe anche tornare in pista come jolly, forse in Catalunya. I panni del collaudatore al momento gli calzano a pennello: “È fantastico, perché prima di salire in moto non sento alcun nervosismo o pressione per cercare di essere più veloce. Ho il meglio, posso guidare una MotoGP ma senza impegni, pressione, infortuni. Ma dobbiamo sempre raggiungere il limite, tutto l’anno“.

LORENZO E ROSSI… INTERESSE COMUNE

A Sepang l’abbiamo visto intrattenersi a lungo nei box per parlare con Valentino Rossi. Una scena immortalata da alcuni scatti che hanno fatto il giro del mondo e resteranno negli annali della MotoGP. “Valentino è un uomo molto intelligente, lo vedi quando parli con lui… In questo momento stiamo facendo cose diverse, ma l’obiettivo comune è che Yamaha sia una grande moto. L’interesse comune ci consente di rilassarci, di capirci un po’ di più, di convivere insieme e di essere più empatici“.

La vera grande sintonia sembra però esserci con il giovane Fabio Quartararo, spesso al centro di battute social. I loro stili di guida sono molto simili e il lavoro di Jorge Lorenzo giocherà a suo favore. “Fabio non ha ancora vinto un duello. Prima di vincere, devi raggiungere un podio e prima di conquistare un campionato devi vincere una gara. Va molto veloce, ma deve dimostrarlo. Ha un grande potenziale, è molto giovane e ha un sacco di talento. Speriamo riesca a fare questo passo per iniziare a vincere una gara: la velocità e il talento sono sufficienti per essere un campione“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP: Kawasaki in top class terza parte, la Ninja ZX-RR 2003-2006

MotoGP, Paolo Ciabatti

MotoGP, Ciabatti: “Dovremo affrontare un’emergenza economica”

MotoGP, Pol Espargarò: “Il ritiro di Jorge Lorenzo era una scusa”