bastianini moto2

Moto2, Enea Bastianini: “La moto si muove parecchio su questa pista”

Jorge Navarro top del venerdì di test a Losail, seguito da Xavi Vierge ed Enea Bastianini. I commenti dei tre piloti Moto2 a fine giornata.

28 febbraio 2020 - 18:50

Piloti e team Moto2 attivissimi sul tracciato di Losail per gli ultimi test ufficiali. Occasione finale per tutti per arrivare nelle migliori condizioni alla prima gara della stagione. Nella prima giornata svetta Jorge Navarro con la Speed Up, seguito da Xavi Vierge (Petronas Sprinta Racing), terza piazza per il miglior italiano del venerdì, Enea Bastianini (Italtrans Racing Team). Si continua sabato e domenica sempre con tre turni al giorno. Il programma

“Abbiamo iniziato bene” ha dichiarato Jorge Navarro, al top con un crono di 1:59.168 stampato nell’ultimo turno. “Al mattino il feeling non era perfetto, ma abbiamo capito presto in che direzione muoverci. Nella seconda e nella terza sessione sono riuscito ad essere il più veloce. L’aspetto più importante è il fatto che abbiamo trovato una buona costanza. Stiamo ancora lavorando sul set up della moto e c’è qualcosa da sistemare, ma in generale sono soddisfatto.”

Secondo posto di giornata per Xavi Vierge, staccato di 232 millesimi dal connazionale al comando. “Le prime due sessioni sono state difficili a causa del vento” ha precisato. “Nell’ultima invece siamo riusciti ad essere un po’ più rapidi, anche perché il vento è calato. Le condizioni della pista non erano perfette, ma i tempi sul giro sono migliorati, anche grazie al lavoro sulle gomme. Continuiamo quanto fatto a Jerez, realizzando tanti giri con gomme usate e cercando di migliorare il ritmo.” 

Terza piazza per Enea Bastianini, miglior italiano in questo venerdì a Losail. L’alfiere Italtrans ha concluso a 253 millesimi dal pilota Speed Up in testa. “Una giornata positiva per me” ha detto il pilota di Rimini, che si avvia verso la seconda stagione in Moto2. “Abbiamo lavorato tanto soprattutto sul fatto che la moto si muove parecchio su questo asfalto. Dobbiamo sistemare il setting, ma nell’ultimo turno ho cercato di spingere un po’ di più. Il feeling è migliorato e ho chiuso tra i primi tre, un buon risultato.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP: Kawasaki in top class terza parte, la Ninja ZX-RR 2003-2006

MotoGP, Paolo Ciabatti

MotoGP, Ciabatti: “Dovremo affrontare un’emergenza economica”

MotoGP, Pol Espargarò: “Il ritiro di Jorge Lorenzo era una scusa”