joan mir motogp

MotoGP, Joan Mir ed il desiderio nascosto: il record di titoli di Agostini

Joan Mir si gode il momento da campione del mondo MotoGP. Con un desiderio nascosto molto ambizioso: "Finora il massimo è 15 titoli. Punto a 16!"

29 gennaio 2021 - 13:20

Joan Mir sta vivendo il suo periodo di gloria. Il secondo titolo in carriera, il suo primo in MotoGP in un appuntamento storico per Suzuki: un traguardo che certo non scorderà mai. In questo 2021 è lui l’uomo da battere, una nuova sfida per lui ed in un momento di transizione. Nel team di Hamamatsu infatti bisogna fare i conti con l’addio di Davide Brivio: un “problema” da gestire sulla via della riconferma, l’obiettivo per team e pilota in classe regina.

Ma in attesa dei primi test il maiorchino si fregia del titolo di campione del mondo. “Mi sto godendo questo bel momento con Suzuki” ha sottolineato. L’ultimo di illustri predecessori titolati con la casa giapponese. In un’intervista video con Estrella Galicia 0,0 però ammette anche che gli piacerebbe rivederne uno in particolare. Se potesse tornare indietro, “Andrei nel 1993” ha dichiarato senza esitazione. “Vorrei vedere come hanno vissuto il titolo con Schwantz.”

E se non fosse diventato pilota? In effetti è un pensiero che non l’ha sfiorato. “Fin da piccolo ho sognato di diventare pilota, non ho mai pensato a nient’altro” ha dichiarato l’iridato MotoGP 2020. “Ma pensandoci, mi sarei in ogni caso dedicato ad uno sport, a due o quattro ruote.” Un compagno di box, di qualsiasi epoca? Pochi dubbi: “Valentino Rossi.” Oltre a sorridere svelando un ambizioso desiderio nascosto: “Chi ha conquistato più titoli ne ha vinti 15 [con Giacomo Agostini, ndr], giusto? Beh, io punto a 16!”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Moto2 e Moto3, a Portimao continua la preparazione per la stagione 2021

MotoGP, Danilo Petrucci

MotoGP, Danilo Petrucci: rinnovo di contratto dopo il Mugello

MotoGP Test Qatar 2021

MotoGP Test Qatar: focus box-to-box, lavori in corso in pit-lane