miller motogp

MotoGP, Jack Miller: “Non sono riuscito a mettere assieme un giro buono”

Jack Miller scatterà dalla 4^ casella. Non manca un commento sui giri tolti a Bagnaia e Viñales. E sul braccio: "Lo sento bene, ma aspettiamo la gara."

18 aprile 2021 - 8:00

Quarta casella in griglia di partenza MotoGP, ad appena 70 millesimi dalla prima fila. Ricordiamo anche che Jack Miller è reduce da un intervento per sindrome compartimentale al braccio destro, ma per il momento non sembrano esserci problemi. Anche se attende la gara per un giudizio definitivo… In ogni caso l’australiano del Ducati Team si dichiara contento del piazzamento ottenuto in qualifica ed è più che determinato a mettere a referto una buona gara. Certo non manca un commento sulle sanzioni da bandiere gialle che hanno tolto alcuni giri veloci, un fatto che in passato ha condizionato anche lui più volte.

Ma prima traccia un bilancio del sabato all’Autódromo do Algarve. “Ho realizzato una simulazione di gara nelle FP4, è andata abbastanza bene” ha dichiarato Jack Miller. Che si aspetta una bella battaglia domenica. “La gara sarà serrata, non si possono commettere errori e bisogna essere sempre sul ritmo in ogni giro.” Ma fa anche un appunto sul turno più importante del sabato. “Ad essere sincero però non sono mai riuscito a mettere assieme un giro in qualifica, penso di aver lasciato qualcosa sul tavolo” ha ammesso. “Ma in ogni caso sono contento della quarta posizione, sarà un buon punto di partenza per la gara.”

Come detto, non manca un commento sui giri tolti al compagno di box Bagnaia ed a Viñales per bandiere gialle. Entrambi infatti potevano essere ben più avanti invece che relegati ai margini della top 12… “Ho ricevuto la stessa sanzione alcune volte” ha ricordato Miller. “Ad Aragón l’anno scorso ho mancato la Q2 per questo motivo. Non ha neanche senso protestare visto che le regole sono quelle… Ma non sono particolarmente d’accordo. Pensando però al margine delle gomme, Pecco aveva già spinto tanto in quel giro e non sarebbe riuscito a ripetersi. Di Viñales ho visto un replay veloce, ma non sembrava avesse toccato il verde.”

Riguardo poi alle sue condizioni fisiche, “Il braccio lo sento perfettamente. Ho percorso 17 giri nelle FP4 ed il feeling era davvero buono, ma aspettiamo la gara di domani.” Facendo un confronto poi rispetto all’anno scorso, “Siamo più o meno veloci allo stesso modo, ma sembra che le Ducati soffrano nell’ultimo settore. Poi magari si chiamano in maniera diversa, ma abbiamo anche le stesse gomme dell’anno scorso. Ma non vale più il discorso che da una parte va meglio la media, dall’altra la dura… Quella che va bene in un posto funziona ovunque, bisogna solo capire quale.”

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: Ducati Corse

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Paolo Ciabatti e Jack Miller

MotoGP, Ducati: al Mugello è tempo di annunci. VR46 resta un’incognita

filip salac moto3

Moto3: Filip Salac, finalmente il podio! “Momento atteso per anni”

Oliveira KTM MotoGP

MotoGP, Miguel Oliveira: “I risultati non rispecchiano il nostro potenziale”