lecuona oliveira motogp

MotoGP, Iker Lecuona: “Ho imparato molto seguendo Oliveira”

Iker Lecuona arrabbiato con se stesso per lo zero a Misano. Ma ha studiato da Oliveira e vuole voltare pagina a Barcellona. "Stiamo crescendo, puntiamo alla top ten."

22 settembre 2020 - 17:24

A Misano-2 è arrivato il 4° zero stagionale per caduta. Un vero peccato per Iker Lecuona, che stava realizzando la sua migliore gara MotoGP. Viaggiava infatti in sesta posizione, proprio dietro al compagno di box Miguel Oliveira, che stava seguendo come un’ombra per carpirne i segreti. Sfortunatamente non è arrivato al traguardo, ma Hervé Poncharal non se l’è nemmeno sentita di rimproverarlo troppo. I progressi sono evidenti ed il rookie spagnolo vuole mostrarlo anche a Barcellona, cercando però stavolta di concretizzare in gara.

“Ero davvero arrabbiato, la caduta è stata tutta colpa mia” ha ammesso Iker Lecuona. “È stato un errore da principiante. Certo sono un esordiente, ma sarebbe meglio evitare questo tipo di errori.” Come detto, il boss Tech3 non gliel’ha fatto pesare, ma anzi vuole che rimanga il più tranquillo possibile. “Hervé mi ha detto che era soddisfatto della mia prestazione. Ci stiamo avvicinando sempre di più. Inizialmente volevamo lottare per i punti, poi siamo entrati in top ten ed ora stiamo raggiungendo i primi cinque…”

Rabbia per la caduta, ma sottolinea anche i tanti giri realizzati dietro al compagno di squadra. “Miguel è un ottimo pilota” ha infatti detto Lecuona. “Ha già vinto una gara in MotoGP e ho potuto imparare molto da lui seguendolo in gara. È fantastico poter combattere con i migliori piloti della categoria, mi rende orgoglioso della squadra e di me stesso.” Ora si cerca il risultato a Barcellona. “Stiamo migliorando costantemente. Devo cercare di finire la gara, ma allo stesso tempo possiamo puntare alla top ten.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

arbolino moto2

Tony Arbolino: “La Moto2? Devo aggiungere un po’ di muscoli…”

Lucia Rivera ex fidanzata di Marc Marquez

Lucia Rivera ricorda la rottura con Marc Marquez: “Mi è costato molto”

Bianchi 350 - Motomondiale

MotoGP, le case dimenticate: la meteora Bianchi ed i podi degli anni ’60