KTM MotoGP

MotoGP, Hervé Poncharal: “Petrucci molto motivato, fiducia in Lecuona”

Un nuova livrea ed una differente line-up per KTM Tech3. La carica di Poncharal: "Ora sappiamo che la RC16 è un'arma per lottare per podi e vittorie."

12 febbraio 2021 - 16:28

La maggior sorpresa nella presentazione KTM di questa mattina è stata la livrea del team satellite, dalla nuova denominazione Tech3 KTM Factory Racing. Una colorazione totalmente arancione, un bel cambiamento rispetto ai due anni precedenti, frutto soprattutto dell’addio dello sponsor Red Bull. Mossa che avrà importanti ripercussioni? Questo lo dirà il tempo. Nel frattempo la squadra di Hervé Poncharal, galvanizzata dai risultati 2020, guarda con ottimismo alla nuova annata in MotoGP. L’obiettivo è essere sempre più protagonisti, stavolta con Danilo Petrucci ed Iker Lecuona.

“Non vediamo l’ora di cominciare” ha sottolineato il boss Tech3. “Sarà una stagione speciale per noi: ora sappiamo che la KTM RC16 è un’arma per lottare per pole position, podi e vittorie.” Parla poi dei suoi ragazzi, cominciando dalla new entry: “Diamo il benvenuto ad un nuovo pilota ricco di esperienza. Danilo è impaziente, molto concentrato e motivato per la nuova stagione, a partire dai test in Qatar.” Lecuona è invece la conferma: dopo un anno d’esordio non proprio semplice, si guarda al 2021 con fiducia. “Abbiamo grandi aspettative e fiducia in Iker: non è più un rookie, è il momento di ottenere risultati.”

Non manca una considerazione sul periodo vissuto da team satellite KTM. “I miglioramenti dal 2019 al 2020 sono stati incredibili. Onestamente, ero sicuro che avrebbero fatto grandi passi avanti, ma quello che hanno fatto è stato qualcosa di inaspettato. Vincere due gare già al secondo anno insieme è un traguardo pazzesco.” Ora testa al nuovo anno, con una rinnovata livrea. “Avremo i colori KTM factory: è un bel riconoscimento per noi, ma anche un grosso peso sulle nostre spalle. Una motivazione a spingere ancora di più.”

Foto: Philip Platzer/KTM Factory

1 commento

Makiland
18:33, 12 febbraio 2021

Di DP ho già scritto, ma ci ritorno volentieri.
Chissà cosa devono dirsi lui e AD ?
Sarò allocco, ma non capisco e poi mi tormento nel sentire che uno dei due potrebbe essere stato sleale verso l’ altro … Spero che tutto questo no sia la punta di un iceberg che non avevo visto …

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Joan Mir

MotoGP, Suzuki ha deciso: non serve un nuovo team manager

MotoGP, Takahiro Sumi

MotoGP, Takahiro Sumi: i segreti della Yamaha e la YZR-M1 2022

Luca Marini MotoGP

MotoGP, Valentino Rossi: “L’anno prossimo vedremo un altro Luca”