dall'igna ducati motogp

MotoGP, Gigi Dall’Igna: “I piloti giovani insegnano sempre qualcosa”

Gigi Dall'Igna commenta la 'giovane' formazione Ducati di quest'anno. Ma parla anche dello sviluppo della Desmosedici e del futuro. "Ad ottobre qualcosa di nuovo in pista."

7 luglio 2021 - 22:00

Mondiale MotoGP in pausa estiva, tempo di bilanci per squadre e costruttori. Ducati chiude la prima parte di stagione con tre piloti in top 5 e, anche se Fabio Quartararo si è un po’ allontanato, ci sono ancora tante occasioni per riavvicinarsi. Certamente Johann Zarco, Pecco Bagnaia e Jack Miller sono pronti a tornare alla carica per complicare le cose all’alfiere Yamaha e per tenere aperti tutti i giochi. Gigi Dall’Igna ha commentato la formazione attuale della casa di Borgo Panigale e gli aspetti da migliorare, ma si pensa anche al futuro.

In particolare, è stato l’unico costruttore a cambiare in toto la sua line-up. “Abbiamo iniziato a lavorare con piloti giovani, ragazzi che di solito insegnano qualcosa agli uomini più anziani come me” ha dichiarato con un sorriso il Direttore Generale di Ducati Corse. “Hanno uno spirito diverso, mi spingono ad essere migliore.” Per quanto riguarda nello specifico i suoi ragazzi, “Bagnaia utilizza qualcosa di diverso rispetto al resto” ha rimarcato a motogp.com. “Ha uno stile diverso, usa il 100% della gomma anteriore, quindi non deve lavorare in un’unica direzione.”

Parlando della Desmosedici, “Una buona moto deve dare al pilota la possibilità di usarla come vuole, e la nostra ora riesce a farlo.” Evidenza poi sia i punti positivi che su cosa lavorare ancora. “Sono contento del lavoro svolto, siamo riusciti a migliorare anche a livello di chassis. Ma la moto non gira come vorremmo, c’è ancora del lavoro da fare.” Non manca anche un commento sul dispositivo holeshot, ormai adottato da tutti. “La partenza a volte è un aspetto chiave in gara. Abbiamo lavorato duramente in questo senso da un’idea sviluppata due anni fa ed ogni sei mesi apportiamo qualcosa di nuovo.”

Ma come detto si pensa anche al futuro. “Stiamo lavorando anche per il 2022 in questo momento” ha evidenziato Dall’Igna. “Non a livello di test, ma a Borgo Panigale. Ad ottobre vedremo qualcosa di nuovo in pista. È sempre importante migliorare, pensare in maniera differente, creare qualcosa di nuovo.”

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi e Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Valentino Rossi non si arrabbia più”

mir motogp misano test

MotoGP, Suzuki sul motore 2022: “Non una rivoluzione, uno sviluppo”

marc marquez motogp

MotoGP: Marc Márquez, primo contatto con la nuova Honda RC-V