Valentino Rossi e Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo come Valentino Rossi: “No al numero 1”

Festa in casa Yamaha dopo la vittoria del titolo MotoGP con Fabio Quartararo. Sull'esempio di Valentino Rossi non adotterà il numero "1".

28 ottobre 2021 - 9:44

Yamaha non si aspettava di festeggiare il titolo MotoGP a Misano-2. La caduta di Pecco Bagnaia ha aperto le danze ai box, riportando il Mondiale a Iwata a distanza di sei anni. “Ha commesso quell’errore e all’improvviso siamo campioni“, ha ammesso Lin Jarvis. La caduta del rivale alla curva 15 è stato un sospiro di sollievo per Fabio Quartararo e la sua squadra. Il francese partiva dalla quinta fila, Pecco dalla pole position. A metà gara l’alfiere Ducati era in testa, il leader del campionato a stento in top-10. Poteva essere una clamorosa riapertura nella corsa iridata.

Un festa spensierata

Fortunatamente stavolta la YZR-M1 si è dimostrata una moto competitiva anche quando si tratta di rimontare. Quartararo ha gestito le gomme al meglio, risalendo fino alla terza piazza, anche grazie alle varie cadute. La svolta a cinque giri dalla fine, quando Bagnaia termina nella ghiaia. E stavolta Yamaha può godersi il trionfo in maniera serena. Nel 2015 non fu semplice neppure festeggiare a cuasa dello scontro fra i titani Valentino Rossi e Jorge Lorenzo, con l’intromissione di Marc Marquez. “All’epoca abbia chiuso il Mondiale con Lorenzo e Rossi nei primi due posti, ma fu complicato. Non potevamo goderci i risultati a causa delle polemiche“. Quanto successo a Sepang aveva lasciato un segno indelebile sia nel paddock della MotoGP che nel box Yamaha.

Stavolta è tutto diverso, tutto più semplice. “Questo titolo ha un sapore davvero piacevole – prosegue Lin Jarvis a MotoGP.com -. Ci sono voluti sei anni. Ci sono volute molte energie e sforzi per arrivare a questo punto. È come cucinare. Spesso, quando cucini per molto tempo, i piatti hanno un sapore migliore“. Velocità e costanza hanno premiato Fabio Quartararo, incassando punti anche nelle giornate più difficili, su piste tradizionalmente sfavorevoli alla YZR-M1. “Merita assolutamente questo successo. Lo stesso vale per gli ingegneri Yamaha e il team. È davvero una bella sensazione“.

Quartararo scarta il numero 1

E’ il nuovo numero 1 della classe regina, ma sulla livrea continuerà ad adottare il suo #20. L’alfiere di Nizza mantiene i piedi per terra, con umiltà e sorriso ha conquistato tutto il paddock MotoGP. Nessuno può affermare che non abbia meritato questo successo. Quartararo proseguirà nel suo stile, massima aderenza a terra senza rischiare di prendere il volo. “Farò come Valentino Rossi, ha vinto il titolo nove volte, ma non ha mai scelto il numero 1. Il numero 20 è quella con cui ho iniziato ed è quello con cui finirò la mia carriera“.

“58” il racconto illustrato ispirato al mito SIC58,  In vendita anche su Amazon Libri

Foto: MotoGP.com

3 commenti

Mattia B.
12:15, 28 ottobre 2021

sta diventando veramente banale non adottare il numero 1.

    fabu
    19:15, 28 ottobre 2021

    vogliono scimmiottare il #1, e pensano pure di essere originali.

    Fra4314
    14:23, 28 ottobre 2021

    Esatto e aggiungerei stucchevole. Non capisco proprio il voler mantenere il “proprio” numero, capisco Valentino e qualcun’altro tipo Marquez, ma gli altri proprio….anche Schwantz l’anno dopo il titolo mise l’1 in carena, non se ne può più dai

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Casey Stoner

MotoGP, Casey Stoner rivela: “Sono interessato alla Yamaha”

MotoGP, Joan Mir

MotoGP, Suzuki ha deciso: non serve un nuovo team manager

MotoGP, Takahiro Sumi

MotoGP, Takahiro Sumi: i segreti della Yamaha e la YZR-M1 2022