petrucci ktm motogp

MotoGP, duo Tech3 col nuovo telaio. Petrucci: “KTM vuole aspettarmi”

Lunedì intenso per il duo Tech3 in Catalunya. In particolare, Petrucci e Lecuona hanno provato il nuovo telaio. I loro commenti a fine giornata.

7 giugno 2021 - 19:26

Lunedì di lavori al Montmeló, protagonisti i piloti MotoGP per una giornata di test. C’è una novità in particolare per il duo KTM Tech3: sia Danilo Petrucci che Iker Lecuona infatti sono scesi in pista anche con il nuovo telaio. Già adottato dai piloti del team factory ed ora una scoperta anche per i ragazzi della squadra di Hervé Poncharal. L’italiano ha messo a referto 61 giri con il 18 crono finale, 71 invece le tornate del pilota spagnolo, penultimo in classifica (ma senza time attack). I loro commenti alla fine di questo lunedì al Circuit de Barcelona-Catalunya.

Petrucci: “Una giornata produttiva”

“Il nuovo telaio è un piccolo aiuto, ma non è l’unica cosa di cui ho bisogno al momento” ha sottolineato il ternano nel meeting online di fine giornata. “I nostri punti critici sono l’aerodinamica e la velocità sul dritto. Mi piacerebbe averne per essere più rilassato in frenata, punto in cui riesco a guadagnare qualcosa.” Ma in ogni caso è stata una giornata produttiva. “Oggi abbiamo anche potuto provare diversi set up. Soprattutto usando gomma dura, quindi mettendoci nella condizione peggiore possibile. Una giornata piuttosto lunga, ma sono soddisfatto e la cosa più importante è sempre adattarsi alla moto, pronti per le prossime gare.”

Sottolinea anche che “Non possiamo avere una nuova carenatura per questa stagione. In questo senso al momento siamo bloccati.” Tra gli aspetti su cui ci si è concentrati, “Una maggiore competitività in uscita di curva. Anche col fatto che la gomma ha una carcassa più morbida, quindi col mio peso sono in difficoltà in particolare con il pneumatico nuovo. Arriverà comunque qualche aggiornamento a livello di potenza, ma non di aerodinamica.” Risponde poi anche alle belle parole spese da Pit Beirer nei suoi confronti. In particolare, lo si vuole attendere prima di prendere qualsiasi decisione per il futuro. “Ringrazio Pit che vuole aspettarmi, vuole vedermi prima a posto. Le prossime due gare possono essere positive.”

Lecuona: “Stesso materiale degli ufficiali”

“Tanti giri e molte cose da provare” ha affermato il pilota valenciano. “Ma l’obiettivo era comunque mettere a referto parecchi giri per capire sempre di più la moto.” Conferma anche lui di aver provato il nuovo chassis. “Non ho fatto nessun time attack, ho solo cercato di lavorare sulla moto e su me stesso. Certo lo stile è diverso, quindi devo riadattarmi, e con i nuovi pezzi è difficile cambiare la base, ma sappiamo su cosa lavorare per migliorare la moto verso il GP di Germania.”

Rimarca in particolare che il nuovo telaio “È simile in termini di tempi, ma diverso a livello di feeling. Al momento mi sento bene con l’anteriore della vecchia moto, che conosco molto bene, al Sachsenring inizieremo a lavorare con la nuova moto.” Niente confronti col compagno di box. “Il lavoro è diverso perché abbiamo difficoltà differenti. Io vado bene in aspetti in cui lui fa fatica, e viceversa.” Sottolinea infine che “Ora abbiamo lo stesso materiale degli ufficiali, non ho più scuse per non vincere, come Miguel!”

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” Bestseller su Amazon Libri

Foto: motogp.com

1 commento

FRA 1988
19:47, 7 giugno 2021

Caro Lecuna porti il numero 27 di Stoner ma non hai nulla del canguro mannaro.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Moto3: Snipers Team, addio a Salac. Ad Assen arriva Alberto Surra

MotoGP, Pol Espargaro

MotoGP, Pol Espargarò prova diversamente: “Copierò Marc Marquez”

matsuyama moto3

Moto3: Honda Team Asia a tre punte ad Assen, si rivede Matsuyama