MotoGP, Paolo Ciabatti

MotoGP, Ducati silura Honda: “Vince grazie a Marc Marquez”

Paolo Ciabatti esalta il 2° posto Ducati in MotoGP e manda un messaggio a Puig: "Honda vince grazie al talento di Marc Marquez".

13 febbraio 2020 - 9:18

Ducati per vincere il titolo mondiale MotoGP dovrà superare una montagna quasi invalicabile di nome Marc Marquez. Nonostante i tanti sforzi e investimenti, Borgo Panigale paga la sfortuna di essere seconda nell’epoca d’oro della Repsol Honda, contro il pilota più talentuoso dell’ultimo decennio. Una sfida che si perpetua dal 2017 con Andrea Dovizioso per tre volte vicecampione e si ripeterà nel 2020, Yamaha permettendo.

Il primo test di Sepang ha evidenziato che la GP20 stenta a trovare il feeling con le nuove gomme Michelin. Un anno fa Ducati ha lasciato la Malesia con quattro piloti nelle prime quattro posizioni. Quest’anno il miglior pilota di fabbrica è stato Danilo Petrucci con il sesto crono, nonostante in pista ci fossero per la prima volta quattro moto ufficiali. Nella stagione MotoGP 2019 il Dovi vinse la prima gara in Qatar, ma per ripetersi ha dovuto attendere cinque mesi, sul circuito ducatista per eccellenza: il Red Bull Ring. “Il nostro obiettivo è il titolo mondiale – ha ribadito Paolo Ciabatti, ds di Ducati Corse -. Stiamo cercando di vincere il titolo, altrimenti non saremmo qui. Ogni anno partiamo con lo stesso atteggiamento. Ciò non significa che siamo troppo ottimisti o non realistici. Ma se non ottieni vittorie, puoi rimanere subito a casa“.

DUCATI SECONDA E FELICE A META’

Ancora una volta dal quartiere di Borgo Panigale sottolineano come a fare la differenza tra Honda e Ducati sia Marc Marquez. “Stiamo competendo contro un pilota eccezionale come Marquez e una squadra molto forte. Non voglio deludere il signor Puig – ha proseguito Ciabatti a Speedweek.com -, ma senza Marc Marquez non otterrebbero gli stessi risultati. Dal 2013 porta sempre le castagne fuori dal fuoco per la Honda“. Una dimostrazione di questa tesi è che nessun pilota dell’Ala dorata riesce a ripetere i suoi numeri pur con la stessa moto. Nel 2017 Andrea Dovizioso ha lottato per il titolo MotoGP fino a Valencia. L’anno scorso solo Ducati ha portato entrambi i piloti alla vittoria. Eppure non basta.

La sfortuna ha ulteriormente complicato la vita, ad esempio in Catalunya e a Silverstoner, con cadute senza colpe. “Ma dobbiamo anche vedere il positivo“, ha concluso Paolo Ciabatti. “Siamo stati secondi classificati per tre volte di fila. Tutti gli altri produttori erano dietro di noi. Quindi possiamo essere orgogliosi del nostro successo, ma non dobbiamo essere soddisfatti. Possiamo essere orgogliosi perché sappiamo di aver fatto un buon lavoro. E siamo consapevoli che stiamo combattendo contro il gigante Honda e anche contro un alieno“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Jorge Lorenzo

MotoGP, Jorge Lorenzo al vetriolo su Johann Zarco

MotoGP, Marc Marquez

MotoGP, tanti auguri Marc Marquez: a Losail una vittoria per regalo

MotoGP, Jorge Lorenzo

MotoGP, Johann Zarco: “Non penso ai soldi come Jorge Lorenzo”