MotoGP, Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci

MotoGP, Danilo Petrucci: “Il rapporto con Andrea Dovizioso è cambiato”

Danilo Petrucci e Andrea Dovizioso seguiranno strade diverse nella stagione MotoGP 2021. Ma i loro destini si sono divisi dopo il week-end di Aragon...

28 dicembre 2020 - 7:55

La favola dei buoni amici e compagni do box era iniziata alla fine della stagione MotoGP 2018. Danilo Petrucci lascia la sua Umbria per trasferirsi a Forlì, dove abita Andrea Dovizioso. Insieme avrebbero condiviso il garage Ducati nel biennio 2019-2020. Hanno iniziato ad allenarsi insieme nel motocross, a condividere amici e tempo libero. “Devo assolutamente ringraziare Andrea. Perché mi ha aiutato molto, soprattutto dall’inizio del 2019 all’inizio del 2020. Sono tornato in patria solo all’inizio dello scorso anno, quando in Italia è stata imposta la chiusura“.

Il Dovi non solo gli ha dato consigli per domare la Desmosedici GP, ma gli ha anche insegnato a reggere la pressione. Inevitabile quando si entra in un team factory, soprattutto quando uno dei suoi piloti ha sfiorato il titolo mondiale negli ultimi anni. Danilo Petrucci aveva messo alla porta un Jorge Lorenzo strapagato e che per oltre un anno non aveva dato risultati. Ma proprio al momento degli annunci ufficiali aveva iniziato a conquistare vittorie e pole position a ripetizione, fino all’infortunio rimediato in Thailandia. Il pilota ternano aveva il difficile compito di non far rimpiangere la partenza del tre volte campione MotoGP. “Andrea mi ha sempre dato tanti consigli per un anno – ricorda Petrux a Speedweek.com -. Mi ha supportato molto, soprattutto sul lato mentale. Ho subito notato che è mentalmente molto forte e può sopportare la pressione di questo sport in modo esemplare“.

La rottura di Aragon

Il primo lockdown ha spinto Danilo Petrucci a lasciare la Romagna per tornare dalla sua famiglia a Terni. Era una situazione storico-sanitara inedita, nessuno sapeva quando sarebbe finita. Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci si allenano separatamente nel pre-campionato 2020, l’amicizia inizia forse ad allentarsi in questa fase. Fino alle qualifiche di Aragon, quando Andrea Dovizioso manca l’accesso alla Q2 a causa del comportamento poco corretto di Petrux. Il forlivese in conferenza stampa è un fiume in piena, rinfacciandogli quanto fatto per lui soprattutto nella vita privata. Dalle sue dichiarazioni lascia intendere che non è il primo atteggiamento sbagliato di Danilo nei suoi riguardi.

La grande amicizia ha definitivamente fine, non c’è neppure bisogno di chiarirsi. Dalla prossima stagione MotoGP le loro strade si dividono. “Sì, certo, il rapporto con il Dovi è cambiato dopo questo incidente di Aragon. Venivo da una buona gara a Le Mans e ho fatto di tutto per ottenere un altro risultato eccezionale. Purtroppo in questi due anni in Ducati è diventato evidente che possiamo essere amici in privato, ma non in pista. Ora lo so: è difficile essere amici di un altro pilota, soprattutto quando combatte nello stesso campionato con te – sottolinea Danilo Petrucci -. Mi dispiace molto per quello che è successo. Ma sono stato spesso criticato perché spesso non sono riuscito ad essere più veloce di lui. E anche quando ero dietro di lui e gli ho mostrato rispetto sono stato criticato. Ogni cosa facessi era sempre sbagliata“.

Foto: Getty Images

1 commento

fzanellat_12215005
12:52, 28 dicembre 2020

Il rispetto non va confuso con l’amicizia che non c’è mai stata realmente.Dovi era consapevole di essere la
prima guida e i risultati lo testimoniano.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Andrea Dovizioso nel box Petronas

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Non posso guidare d’istinto”

moto3 moto2 motogp

Moto2 e Moto3, ecco le squadre confermate per la stagione 2022

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP Test, Fabio Quartararo boccia il nuovo motore: “Serve più potenza”