pedrosa motogp

MotoGP, Dani Pedrosa: “Da qui in avanti Mondiale meno imprevedibile”

Dani Pedrosa pronto per due giorni di lavoro a Portimão. "La prima volta su questa pista" ha ammesso. E sulla stagione 2020: "Finora imprevedibile: una gara sei davanti e quella dopo fai fatica!"

6 ottobre 2020 - 22:11

I progressi di KTM dall’anno scorso al 2020 sono stati evidenti. In moltissimi (e non solo vertici e piloti della struttura MotoGP) non hanno mancato di sottolineare il lavoro del Test Team e soprattutto del collaudatore Dani Pedrosa. Da dire che l’ex iridato 125cc e 250cc ha girato parecchio, anche ‘anticipando’ i piloti ufficiali nei circuiti in cui dovevano correre. Con le due splendide vittorie ed i podi le concessioni sono ormai perdute, ma non sembra che questo debba cambiare particolarmente i programmi del fantino di Sabadell. Ma prima bisogna pensare al 2020: domani e giovedì c’è un circuito da conoscere, quello di Portimão, in sella alla RC16.

“È la mia prima volta su questa pista” ha ammesso Dani Pedrosa in conferenza stampa. “L’aspetto chiave sarà riuscire a capirla il più presto possibile, avere il giusto feeling in curva ed imparare i punti ciechi. Ci sono tanti cambi di elevazione ed in certi tratti non vedi le curve: bisogna imparare il giusto approccio. Allo stesso tempo avremo anche gomme differenti da provare: da qui a novembre, quando ci sarà il Gran Premio, le condizioni cambieranno parecchio.” Ricordiamo che il tester catalano condividerà il primo giorno in pista con gli ufficiali Pol Espargaró, Brad Binder e Miguel Oliveira che, a differenza sua, potranno usare solo moto stradali.

Non manca un commento anche sui grandi progressi fatti finora. “Penso che KTM ne sia molto contenta. Gli aspetti chiave credo siano un pacchetto più stabile, maggiore fiducia nella moto da parte dei piloti.” Per quanto riguarda il campionato, “Una gara sei davanti e quella dopo fai fatica: certo questo influisce sul risultato di tutti. Non è male però per KTM, in ogni gara stanno cambiando tante cose. Penso però che man mano che ci avvicineremo alla fine il Mondiale sarà più stabile ed avremo un’idea più precisa. Vedremo a quel punto come sarà, finora è stata una stagione decisamente imprevedibile!”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Bradley Smith

MotoGP, Bradley Smith e le ultime lamentele su Aprilia

alex marquez motogp

Spy MotoGP: Un nuovo telaio per i piloti Honda ad Aragón

savadori motogp

MotoGP: Lorenzo Savadori, Aprilia gli ‘regala’ Valencia e Portimao