MotoGP, piloti Ducati 2021

MotoGP, Chicho Lorenzo boccia i piloti Ducati

Chicho Lorenzo passa in rassegna i sei piloti Ducati per la stagione MotoGP 2021. Giudizio duro nei confronti di Marini, Bastianini, Zarco e Miller.

14 febbraio 2021 - 10:02

A Jerez Ducati ha sfoggiato l’ammiraglia MotoGP 2021. Sei piloti e il suo storico collaudatore Michele Pirro, una line-up piloti giovane e promettente con cui puntare al titolo mondiale. Johann Zarco nei panni del veterano controbilancia l’arrivo dei tre rookie, alle spalle dei due piloti factory Jack Miller e Pecco Bagnaia. L’avanguardia dell’evoluzione e delle speranze iridate è affidata all’australiano, reduce da un finale di campionato 2020 in crescendo. E all’ex campione Moto2 cresciuto nelle fila della VR46 Academy.

Il giudizio su Jack

Sarà il giusto amalgama per poter spodestare il trono detenuto da Joan Mir e dalla Suzuki? Secondo Chicho Lorenzo no. Nell’ultimo intervento sul suo canale YouTube scredita quasi tutti i piloti Ducati, ad eccezionale del connazionale Jorge Martin. “La linea di Miller non è quella di un pilota sempre al top. E le cose non cambiano, o lo sei o non lo sei. Parte male e poi migliora con il passare delle gare, questo succede a piloti che non sono preparati. È un pilota molto fiero, ha molto talento ma non si limita a prendere sul serio la sua professione. Non è un pilota risolutore. In sei anni non abbiamo assistito a grandi evoluzioni, anche se in molte occasioni ha brillato“.

L’oracolo di Chicho

Pecco Bagnaia potrebbe riservare qualche sorpresa, secondo il papà di Jorge Lorenzo. “Bagnaia ha il suo lato A e il suo lato B. È un pilota molto testardo, come mio figlio. Penso che abbia tante buone carte, ha vinto tanto e penso che possa raggiungere l’atteggiamento che gli fa raggiungere la sua migliore prestazione. Se fai questo passo e lo consolidi, penso che possa riservarci delle sorprese“. Lorenzo senior è poco fiducioso sulle qualità del francese Zarco. “È un pilota dai momenti brillanti ma anche dai piedi d’argilla. Ha 30 anni, non ha più margini di miglioramento, ha bisogno di un miracolo come Miller“.

Dei tre debuttanti in MotoGP, Jorge Martin è il più promettente secondo Chicho. “Sta crescendo, è diventato campione. Ha vinto alcune gare con strategia, come Angel Nieto“. Ma forse dimentica che Bagnaia, Zarco e Bastianini arrivano in classe regina con almeno un titolo in valigia? A quanto pare sì. “Bastianini è il tipico pilota italiano che ha talento ma è irregolare. Inoltre, quello che hai ottenuto in Moto2 non ti è di alcuna utilità in MotoGP“. E su Luca Marini: “L’incidente di Le Mans è stato il suo punto di svolta ed è passato da molto bene a fare molto male. Non ha superato quell’incidente. Sei pronto a competere in una categoria di cani selvaggi come la MotoGP? Non la penso così“.

Jonathan Rea, “In testa, la mia biografia” In vendita su Amazon Libri

3 commenti

Makiland
17:21, 14 febbraio 2021

Più che un Oracolo CL è un vero iettatore del cavolo, ma stia zitto !

Ringhietto
12:06, 14 febbraio 2021

Ma costui, a parte insegnare al figlio a parlare a vanvera, cos’ha mai fatto nella vita motociclistica per giudicare gli altri???

    corsedimot_15035767
    7:53, 15 febbraio 2021

    In realtà, anche un mio vicino di casa spara scemenze a raffica ma, per fortuna, nessuno gliele pubblica!

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP Test Qatar 2021

MotoGP, Enea Bastianini tampone sospetto: “perde” l’aereo per il Qatar

Moto2 Moto3 Aspar

Moto2 e Moto3, tanto lavoro sia a Valencia che Portimao

Davide Brivio

Davide Brivio: “Formula 1 più difficile ed eccitante della MotoGP”