MotoGP, Alex Rins e Manuel Cazeaux

MotoGP, Cazeaux: “Franco Morbidelli ha sorpreso le Suzuki”

Manuel Cazeaux, capotecnico di Alex Rins, commenta l'ultima gara MotoGP a Teruel: "Franco ci ha sorpreso. Valencia? Pista favorevole alla Suzuki".

3 novembre 2020 - 15:11

Alex Rins ha conquistato 45 punti nelle ultime due gare MotoGP ad Aragon. Vittoria e secondo posto con la sua Suzuki GSX-RR che continua a mostrare una costanza inedita in questo campionato dove tutti soffrono di alti e bassi. Sesta piazza in classifica a -32 dal compagno di squadra, a Valencia sarà vietato impartire ordini di scuderia. Il 24enne catalano vuole giocarsela fino alla disdetta matematica e in questo week-end servirà un’altra prestazione degna di lode.

Nell’ultimo round nulla ha potuto contro la M1 di Franco Morbidelli, un po’ più forte in uscita di curva. Inoltre Alex Rins ha lamentato la mancanza del dispositivo holeshot in movimenti. “Speravo di recuperare un po’ di più sul rettilineo, ma stanno usando un dispositivo che non stiamo ancora utilizzando, che solleva l’asse posteriore. Quindi proveremo a lavorare con questo dispositivo per vedere se possiamo vincere ancora“.

Il parere del capotecnico

Il suo capotecnico Manuel Cazeaux ha riassunto il GP di Teruel con un certo stupore per il passo gara di Morbidelli. “Ci aspettavamo una gara un po’ più lenta – ha raccontato  Sky Sport MotoGP -. Viste le temperature non proprio altissime, ci siamo giocati la strategia con la soft davanti e cercare di metterci primi al primo giro. Ma Franco ci ha sorpreso, ha tenuto un ritmo altissimo fino alla fine, è riuscito a fargli pressione per 3/4 di gara, ma non avevamo quel qualcosa in più per vincere“.

A Valencia la Suzuki GSX-RR ha le carte in regola per fare bene. Un tracciato con curve strette e senza lunghi rettilinei, dove la percorrenza di curva è la chiave del successo. “Sulla carta sì, non ci sono rettilinei lunghi dove possiamo perdere qualcosa con Honda e Ducati. Ci vuole che la moto giri bene e la nostra moto lo fa – ha aggiunto Cazeaux -. Nel 2018 e 2019 siamo andati abbastanza bene, sul bagnato ci siamo giocati la vittoria nel 2018, l’anno scorso abbiamo fatto una bella gara. Non abbiamo ancora fatto il podio sull’asciutto“.

Foto: Getty Images

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: “C’è chi va in pensione e chi è troppo vecchio”

MotoGP, la storia: Jarama, sede del GP di Spagna e non solo

Tatsuki Suzuki Moto3

ESCLUSIVA Tatsuki Suzuki: “Superpole in Moto3? Solo se…” (Parte 1)