MotoGP, Cal Crutchlow

MotoGP, Cal Crutchlow: “Ormai tutti hanno una moto factory”

Cal Crutchlow pronto a vestire i panni del collaudatore MotoGP. Sulla stagione 2021 prevede tanta incertezza: "Ormai tutti hanno una moto factory".

20 dicembre 2020 - 10:10

Cal Crutchlow è pronto alla metamorfosi da pilota a collaudatore MotoGP. Dopo un decennio in Top Class l’ex pilota Honda dal 1° gennaio sarà ufficialmente un dipendente Yamaha. L’obiettivo è aiutare i tecnici di Iwata a raccogliere informazioni e riportare il marchio sul tetto del Motomondiale. Ha chiuso la carriera con risultati un po’ sottotono, complice alcuni infortuni e una situazione d’emergenza sanitaria che ha stravolto calendario ed equilibri in pista. Probabilmente il 2020 segna una linea di demarcazione nella storia della classe regina.

Prima il fornitore unico di pneumatici, poi la centralina elettronica unificata, adesso l’abitudine di fornire moto factory anche ai team satelliti. Dorna ha realizzato il sogno di avere più piloti e squadre sul podio, assottigliando il gap fra marchi e fra scuderie ufficiali e private. La prossima stagione MotoGP seguirà un po’ il copione visto nel 2020 secondo Cal Crutchlow. “Penso che continuerai a vedere questi vincitori inaspettati, molti ragazzi sul podio sparsi nel corso dell’anno. Ormai tutti hanno una moto factory. Un’incertezza che premia il lavoro svolto dal promoter Dorna in questi anni“.

Gare imprevedibili… aspettando Marc

A guadagnarci è sicuramente lo spettacolo, ma bisogna fare i conti con Marc Marquez, l’unico capace di azzerare (alias, annientare) la concorrenza. “Adesso tutti hanno una buona moto – sottolinea il britannico ad Autosport –. Alcuni piloti possono guidare con le gomme nuove, altri no, ma chi ha avuto difficoltà con la gomma può crescere un po’ di più con la gomma ed essere più competitivo. Ma fondamentalmente quest’anno per 14 gare hai visto delle grandi gare durante l’anno. E sono sicuro che continuerai a vederle l’anno prossimo, anche se è un campionato normale“.

Cal Crutchlow farà il tifo per l’amico Jack Miller, con cui ha condiviso battaglie in pista e serate nel motorhome. “Voglio vedere vincere Jack Miller. Penso che abbia dimostrato di poterlo fare. Non c’è motivo per cui non possa puntare al titolo l’anno prossimo“. Da ex pilota HRC spera di rivedere in griglia il vero matador della MotoGP. “Non vedo l’ora che ritorni Marc Marquez. L’anno scorso ha dominato e merita di esserci“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi nel box Yamaha

Valentino Rossi e Ramon Forcada: la sfida continua… ma sarà diversa

MotoGP, Danilo Petrucci

MotoGP, Danilo Petrucci: “In Ducati la colpa è sempre del pilota”

Marc Marquez e Alex Marquez

MotoGP, spostamenti tecnici da e verso il box di Marc Marquez