MotoGP, Andrea Iannone

MotoGP, Andrea Iannone a Losail: “Il mio habitat non è il tribunale”

Andrea Iannone ha preso parte alla presentazione dell'Aprilia sul circuito di Losail. Il pilota di Vasto spera di provare quanto prima la RS-GP 2020.

21 febbraio 2020 - 15:55

Andrea Iannone a Losail per la presentazione della Aprilia RS-GP, ma domani non sarà in pista per il test MotoGP. Le analisi delle urine analizzate nel weekend a Sepang continuano a condannare il pilota Aprilia. Invece l’analisi del capello presentata dalla sua difesa sembrano assolverlo. La FIM lascia The Maniac nel limbo dell’attesa, condannandolo al momento a guardare la nuova RS-GP senza poterla provare.

Il pilota di Vasto non può entrare nel merito della vicenda giudiziaria. In Qatar preferisce parlare solo del nuovo prototipo 2020. “La moto è una delle più belle, abbiamo fatto uno step molto importante. Spero di poterla provare in pista quanto prima“, ha detto a Sky Sport. “Sono state fatte scelte sofferte l’anno scorso. Abbiamo sofferto tutto l’anno, ci siamo concentrati per il 2020 e l’intento è riuscito. Mi sento parte integrante di questo progetto, la moto è stata fatta sulle mie indicazioni“.

La casa di Noale ha puntato su un’autentica rivoluzione, dopo aver compreso che il modello precedente aveva ormai raggiunto il suo limite. “Mi sento molto comodo anche da fermo, le pedane sono ok, non è molto larga come l’anno scorso. Per il momento sogniamo e dobbiamo essere positivi per il futuro“, ha proseguito Andrea Iannone. “Quando hai fiducia nelle corse nulla è impossibile. Dedizione e credere in se stessi porta risultati. Massimo Rivola è stato un grande motivatore e organizzatore, sono contento di lavorare con lui. Sono contento del supporto che Aprilia Racing mi sta dando in questo periodo difficile“.

Difficile dover restare a guardare, mentre i colleghi domani saranno in pista per il test MotoGP. “Un pilota ha sempre nostalgia, già quando finisce il campionato non vedevo l’ora di tornare sulla moto. Il mio habitat naturale non sono le aule di un tribunale, ma la pista. Mi sto allenando tutti i giorni, così da essere pronto quando sarà il momento“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Marc Marquez e Valentino Rossi

MotoGP, Marc Marquez: “Valentino Rossi meglio di Casey Stoner”

MotoGP, Andrea Iannone

Andrea Iannone: “L’Aprilia RS-GP meglio di una notte d’amore”

tony arbolino moto3

Tony Arbolino: “Sensazione particolare quando corro, mi sento forte”