MotoGP, Andrea Dovizioso con il team Petronas

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Con Valentino Rossi sarà bellissimo!”

Andrea Dovizioso arriva a Misano per la sua prima gara in MotoGP con Petronas. Nei box potrà collaborare con Valentino Rossi: "E' molto carismatico".

16 settembre 2021 - 15:16

Il giorno di Andrea Dovizioso è arrivato, nessuno avrebbe mai immaginato di rivederlo quest’anno sulla griglia di MotoGP. La separazione tra Yamaha e Maverick Vinales ha scatenato un effetto domino sul mercato, consentendogli di farsi spazio nel team satellite di Razlan Razali. Domani sarà in pista per le prime prove libere sulla YZR-M1, saranno i suoi primi giri su questo prototipo. “Strano ritornare subito senza aver provato. Yamaha è sempre rimasta impressa dopo il 2012, ho fatto un buon anno, pensavo di andare in ufficiale. Poi tra Valentino Rossi e Ducati non è andata così bene, Vale ha deciso di tornare e giustamente la sella è andata a lui“.

Cinque gare da test

Negli ultimi mesi non ha mai smesso di seguire la MotoGP pur dedicando al motocross. Esordirà con una moto del 2019, ma non è questo a preoccupare Andrea Dovizioso. “Peggio entrare in pista senza fare neanche un test, è una moto molto diversa da quella che ho usato negli ultimi otto anni. Più questo che non avere una moto ufficiale. Sono entrato il prima possibile per prepararmi in vista del 2022. Logico che andrà a scapito del risultato, ma l’obiettivo è il prossimo anno“.

Saranno cinque week-end importanti per prendere le misure alla Yamaha M1 e trovarsi pronto per la prossima stagione. E inevitabilmente dovrà cambiare il suo stile di guida. “Dovrò cambiare per forza, ma ho vari punti interrogativi e credo che li scoprirò in queste cinque gare. La gomma posteriore è cambiata l’anno scorso ed ha scombussolato non poco. Quanto è la gomma che ha modificato lo stile di guida o parliamo di generazione… Della mia generazione non c’è più nessuno – ricorda il Dovi -. Valentino si ritira a fine anno, da anni Jorge e Casey non ci sono più. Ho vari interrogativi, non ho le risposte, queste gare saranno un bel test per capirci di più“.

Ai box con il Dottore

Dulcis in fundo chiuderà questo Mondiale al fianco del connazionale Valentino Rossi. Due destini diversi che ritornano ad incrociarsi dopo anni nello stesso paddock. “Bellissimo di suo, più che a livello di guida a livello di persona. Non è il nove volte campione del mondo e basta. E’ molto carismatico, oltre la media su tutti gli aspetti, c’è la possibilità di parlarci. Tra di noi ci siamo sempre incrociati, quando lui vinceva io facevo terzo o quarto. Quando io mi giocavo il campionato lui ha fatto terzo o quarto. Non ci siamo mai giocati un campionato fino all’ultima gara dove subentrano certe dinamiche, mi sarebbe piaciuto vivere nello stesso box in certe situazioni. Sarebbe stato molto difficile – conclude Andrea Dovizioso -, ma ci saremmo divertiti“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo: un Mondiale vinto (anche) dallo psicologo

mir petrucci motogp

MotoGP: Joan Mir e Danilo Petrucci, l’abbraccio dopo l’incidente

MotoGP, Valentino Rossi a Misano

MotoGP, Valentino Rossi: “Arrabbiato con Pecco, Yamaha scelta giusta”