Alessandro Mazzocchetti

MotoGP, Alex Design racconta: l’addio a Petronas SRT e prospettive future

Alessandro Mazzocchetti, verniciatore e designer della MotoGP, traccia un bilancio al termine della stagione MotoGP 2021 e ora guarda al futuro.

16 novembre 2021 - 21:43

di Alessandro Mazzocchetti

Sono stati tre anni bellissimi, un’organizzazione perfetta, non aveva un errore. Tra i ricordi più belli c’è sicuramente la presentazione del Team al completo a fine gennaio 2019 a Kuala Lumpur (Malesia) all’interno delle Petronas Tower. Il rapporto di lavoro con il Team Director Johan Stigefelt. Le splendide parole che in quest’ultimo anno io ed il mio staff abbiamo ricevuto da Valentino Rossi per il lavoro svolto

Poi con l’annuncio dell’addio di Valentino Rossi e del ritiro di Petronas si è rotto un sistema e chi lo gestiva si è ritrovato davanti alle difficoltà. Mi sono occupato di grafica, design, verniciatura e tutto ciò che riguarda l’innovazione e la tecnologia. Fino all’ultimo Gran Premio mi sono interrogato su quale strada prendere per il futuro. In questa stagione ho approfondito l’amicizia con il gruppo di Valentino Rossi: persone particolari che mi hanno insegnato tante cose. Se continuerò a lavorare come esclusivista di un team mi piacerebbe continuare con VR46, altrimenti continuerò a fare servizio in pista per tutti i team che hanno bisogno.

La mia posizione non è mai stata in bilico, la nostra reazione è stata di enorme dispiacere per il fatto che non avremmo più continuato con il Team PSRT, il tutto aggiunto al fatto dell’annuncio del ritiro di Valentino. Tutto quanto insieme è stato un duro colpo da accettare. Alcuni meccanici hanno cambiato lavoro, qualcuno è andato in Canada, altri sono ancora senza lavoro. Al momento siamo ancora in trattativa con un Top Team in qualità di ‘Official Painter’. Comunque durante l’ultima gara di Valencia, con il mio staff abbiamo deciso che nella prossima stagione saremo a disposizione di tutti i team come ‘Associate Service Company’ per servizi di verniciatura e riparazione carene, servizi grafici, stampa, intaglio ed applicazione adesivi.

Come tutto il mondo ha reso grazie a Valentino Rossi in questo week-end di Valencia, vorrei ancora una volta ringraziarlo anch’io con un aneddoto, dato che ho verniciato la sua Aprilia 125 del Primo Mondiale nel 1997 e la sua ultima moto nel MotoMondiale. E’ stata la più grande soddisfazione e mi dà la voglia di continuare. Era l’unico a dirmi “Come va?”, “Come procede, raccontami…”. Frasi non dette neppure da chi mi conosce da una vita. Durante la festa nel paddock si è avvicinato a me chiedendomi di sollevarlo sul banco: “Aiutami, mi devo lanciare sulla folla”. Un’emozione unica. Sono felice di aver conosciuto Gianluca Falcioni, Alessio Salucci e Valentino. Persone che mi hanno insegnato quanto sia importante avere la passione per questo mondo.

Che favola Marco Simoncelli! “58” racconto illustrato in vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Casey Stoner

MotoGP, Casey Stoner detta la linea: cosa manca a Ducati per vincere

“Valentino Rossi meno gestibile di Fabio Quartararo”: la stoccata di Jarvis

MotoGP, Jack Miller e Jorge Martin

MotoGP, Jack Miller in bilico: “Ora capisco Dovizioso e Petrucci”