MotoGP, Valentino Rossi e Franco Morbidelli

Morbidelli: “Al Ranch con Valentino è come allenarsi con Messi”

Franco Morbidelli ringrazia Valentino Rossi: "Ho imparato tanto da lui, sia come pilota che come persona. Lo conosco da quando avevo 13 anni".

8 aprile 2020 - 11:33

Franco Morbidelli va alla ricerca del suo primo podio in MotoGP, ma l’attesa è destinata a prolungarsi a causa dell’emergenza Coronavirus. Abituato a vincere la sfida all’interno del proprio box, nel 2019 ha avuto vita dura con Fabio Quartararo. E dal 2021 potrebbe ritrovarsi a competere nello stesso box con Valentino Rossi. “E’ stata forse la prima volta che sono stato battuto dal mio compagno di squadra, e credimi, fa male”, ha detto al sito Monster Energy. Il difficile confronto gli ha dato nuove motivazioni, spingendolo a intensificare la preparazione invernale. “Avere Quartararo come compagno di squadra è una fonte di pressione, ma anche una costante motivazione per crescere. Da Fabio ho imparato la sua etica del duro lavoro“.

Ha innalzato le ore di lavoro in moto e in palestra, ha apportato modifiche alle abitudini di vita, ha piazzato il secondo posto nel test invernale in Qatar a soli 33 millesimi da Maverick Vinales. Un bel biglietto da visita se non fosse che il campionato MotoGP abbia dovuto chiudere i battenti per la crisi sanitaria. Nella speranza che presto tutto finisca e la MotoGP riaccenda i motori. “L’anno scorso ho ottenuto risultati decenti, ma voglio di più. Il mio obiettivo? Guidare più velocemente e lottare per il podio“.

IL LEGAME CON VALENTINO

Quando si parla di Franco Morbidelli viene spontaneo il legame con Valentino Rossi. L’ex campione Moto2 è uno dei primi allievi avvicinatisi al Ranch di Tavullia. “Penso fosse l’anno 2012. A quel tempo c’erano solo gli ovali e le sfide all'”americanacon Valentino, Marco Simoncelli e Mattia Pasini rimangono epiche“. Il suo retroterra “tavulliano” emerge indelebilmente. “Far parte dell’Academy VR46 mi fa sentire più responsabile. Se un pilota come Valentino Rossi ha creduto in me, significa che ha visto qualcosa in me che non conoscevo. Dal momento in cui l’ho capito, ho sempre cercato di spingermi ai limiti che non sapevo di poter raggiungere“.

Allenarsi con il nove volte campione del mondo apporta indiscutibili vantaggi al pilota del team Petronas SRT. Non a caso può vantare già un titolo iridato nel Motomondiale e un europeo nel 2013 nella Superstock 600. “Ho imparato molto dall’allenamento al Ranch con Rossi, dai suoi consigli, ma anche dal semplice guardare come si muove, come cavalca. Pensa solo a un bambino che gioca a calcio e si allena ogni giorno con Lionel Messi! Conosco Vale da quando avevo 13 anni – ha aggiunto Franco Morbidelli -. Da Valentino, il pilota, ho imparato ad amare ciò che stiamo facendo, non solo in pista durante le gare, ma anche durante l’allenamento. Dall’uomo, ho imparato che la semplicità è qualcosa che aggiunge valore, non viceversa“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

motogp miller

MotoGP: Jack Miller, guerra alle Yamaha. “Evitando visiere a strappo!”

motogp catalunya sky sport

MotoGP, Barcellona: Orari del 27/09, diretta Sky Sport/DAZN e differita TV8

motogp yamaha

MotoGP: Rossi, Quartararo, KTM… Chi vincerà in Catalunya? L’analisi dei ritmi