MotoGP, Valentino Rossi ad Austin

MotoGP, Valentino Rossi lancia l’allerta sicurezza: “Pista bucata, peggio del 2019”

Valentino Rossi 17° nel venerdì di prove libere MotoGP ad Austin. L'asfalto crea non pochi problemi: "Ci avevano assicurato che sarebbe migliorato".

1 ottobre 2021 - 23:50

17° crono nella classifica combinata per Valentino Rossi nel venerdì di prove libere MotoGP ad Austin. Sul bagnato o sull’asciutto il risultato non cambia per il veterano del team Yamaha Petronas, che per domani proverà a lavorare sul setting per avvicinarsi alla top 10. Un’impresa non certo facile, soprattutto in Texas, dove è fondamentale partire subito con il piede giusto. A rendere tutto più difficile sono però le condizioni dell’asfalto.

Dal paddock MotoGP si solleva un coro unanime sulla pericolosità di questo circuito e se ne discuterà in safety commission. Troppi i dossi e le buche che costellano il layout, i più recenti lavori di manutenzione hanno creato diversi settori con differenti livelli di grip. “La pista è molto figa. In America solitamente le piste sono un po’ più bucate rispetto a quelle europee. Nel 2019 la situazione era già difficile, avevamo chiesto di fare qualche lavoro, soprattutto nelle curve 2-3-4-5. Il punto peggiore è la 10, peggio del 2019, è pericolosa, perché si salta. E’ molto difficile guidare, devi tenere ben stretta la moto per evitare che ti fugga. Ed è difficile prendere il ritmo, non riesci ad andare al limite“.

La morte di Dean Berta Vinales da giorni sta sollevando il problema sicurezza. Arrivare ad Austin in certe condizioni sembra quasi un controsenso. “In safety commission abbiamo parlato tanto di Austin, di base è una pista che piace a tutti ma è piena di buche – aggiunge Valentino Rossi -. Ci avevano assicurato che la situazione sarebbe migliorata, pareva che avessero risolto. Invece è peggio del 2019“.

Il meteo ha fatto qualche bizza nelle FP1, le YZR-M1 sono andate in apnea con le rain. “Sono andato piano sia sul bagnato che sull’asciutto. Ma le Yamaha sul bagnato sono in difficoltà, ci manca grip al posteriore. Sull’asciutto siamo messi meglio, quindi speriamo nel sole. Oggi doveva essere una giornata di maltempo – conclude il Dottore -, invece al pomeriggio c’era anche il sole. Speriamo bene per sabato e domenica“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Fabio Quartararo e Marc Marquez

MotoGP, Quartararo-Marquez: Honda sogna il nuovo ‘dream team’

MotoGP, Aleix Espargaro

MotoGP, Aleix Espargarò pilota senza bandiera: “Non sono indipendentista”

Superbike, Jonathan Rea

MotoGP, Jonathan Rea: “Grazie a Valentino Rossi”