MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Quartararo: “Strano prendere il posto di Valentino”

Fabio Quartararo punta in alto nella stagione MotoGP 2020 ma non nomina mai la parola "Mondiale". E su Valentino Rossi: "Strano prendere la sua sella".

19 maggio 2020 - 13:12

Impressionante sul giro secco, sorprendente sul ritmo gara. Fabio Quartararo è entrato in MotoGP in punta di piedi, quasi nessuno avrebbe scommesso su un suo podio. A fine stagione ha incassato sei pole e sette podi, 5° posto finale e guadagnato la sella nel team factory per le stagioni 2021 e 2022, dove andrà a sostituire la leggenda Valentino Rossi.

FABIO PROVA AD ALZARE L’ASTICELLA

Si è guadagnato la stima degli avversari dopo la pole position a Jerez, là dove dovrebbe cominciare il prossimo campionato. L’obiettivo titolo iridato non viene mai nominato, ma è evidente che sia il francese che il team Petronas un pensierino ce l’hanno messo. “In questo Mondiale spero di migliorare ed essere in grado di lottare per vittorie e podi. Non voglio pensare al titolo, ma so che se pensiamo ad ogni gara e otteniamo buoni risultati, possiamo avere un’ottima posizione alla fine“.

Età e coraggio sono dalla sua parte, inoltre a sua disposizione una Yamaha M1 con specifiche ufficiali. Nei test invernali ha rilasciato un buon feedback sul prototipo 2020, anche se qualcosa resta da limare sui rettilinei. Solo a quel punto la moto di Iwata diventerebbe quasi perfetta, con una percorrenza di curva che fa invidia a tutti. “La velocità massima è importante per noi, perché è dove abbiamo sofferto, ma nel test del Qatar è andata bene, avevamo fiducia del pneumatico Michelin e sono molto contento“.

ROSSI E IL RITORNO ALLE GARE

Dalla sua ha anche simpatia e carisma, anche tra i tifosi italiani che si vedono spodestati di Valentino Rossi dalla squadra ufficiale. Fabio Quartararo ha ribadito ancora una volta che sarà “molto strano” occupare il posto del campione di Tavullia. “Valentino Rossi è il mio idolo e sarà molto strano sapere che nel 2021 prenderò il suo posto. Da bambino – ricorda in un’intervista a Motogp.com – aspettavo ore e ore nel paddock per una foto“.

Adesso l’attenzione è puntata al campionato MotoGP 2020. Nei giorni scorsi, in una Andorra ancora innevata, ha compiuto qualche giro sul circuito locale, in attesa di potersi spostare in Spagna per gli allenamenti. “Sono fortunato perché qualche giorno fa ci è stato permesso di praticare un’ora di sport all’esterno, ma prima ho lavorato a casa molto duramente per mantenermi in forma“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

KALEX Moto2

Moto2, la tecnica: il dominio del telaio KALEX

MotoGP, Davide Tardozzi

MotoGP, Tardozzi: “Jack Miller-Ducati, vicini ad una decisione”

Valentino Rossi a Misano

Valentino Rossi, Franco Morbidelli e la favola di Tavullia