MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, il manager di Andrea Dovizioso: “Ritiro? Lo stiamo valutando”

Simone Battistella, manager di Andrea Dovizioso, non esclude un ritiro dalla MotoGP a fine anno. Una decisione non verrà presa prima di settembre.

3 luglio 2020 - 23:29

Andrea Dovizioso prosegue la riabilitazione dopo l’infortunio rimediato nella gara di motocross a Faenza. Sarà regolarmente ai nastri di partenza nella prima gara MotoGP a Jerez, ma forse non al top della forma. Resta anche da capire se troverà un accordo con Ducati per il rinnovo, sebbene voci di corridoio facciano propendere per una risoluzione positiva.

LE CONDIZIONI DEL DOVI

Il manager Simone Batistella, durante il podcast ‘Cambia el Mapa’, ha assicurato sulle condizioni del vicecampione di MotoGP. “Siamo fortunati che l’operazione sia andata alla perfezione. Non ha perso la resistenza muscolare, era fisicamente al 100%, può avere solo un piccolo problema di mobilità o dolore in moto. Ma è qualcosa che potremo sapere solo quando saremo in pista. Sta facendo terapia fisica ogni giorno“. L’incidente, sottolinea il manager, è avvenuto senza nessun contatto con altri piloti. Una caduta figlia della sfortuna, che arriva nel peggiore dei momenti dell’anno.

DECISIONE A SETTEMBRE

A quanto pare non c’è nessuna fretta di trovare un accordo con Ducati. Il suo futuro non verrà deciso prima di settembre. “Dovi non conoscerà la sua squadra del 2021 a Jerez. Non ci sono ancora negoziati con la Ducati. Stiamo definendo l’impegno per il 2020. La Ducati vuole vedere una gara prima di iniziare qualsiasi trattativa con Dovizioso e dovremo aspettare almeno fino all’Austria per iniziare a parlare con la Ducati“. Così ha deciso il team di Borgo Panigale: “Andrea non ha problemi ad aspettare. Spero che questo non crei tensioni nel momento in cui entriamo in pista, perché è una stagione in cui tutti devono esibirsi al meglio. Confido che questa attesa non causerà tensioni durante il mese di agosto, che sarà un mese clou per Andrea e Ducati“.

DOVI VALUTA IL RITIRO

Simone Battistella non esclude la decisione più estrema: l’abbandono della trattativa e l’addio alla MotoGP. Il nodo principale non è solo una questione di soldi. “È chiaro che ci deve essere un’intesa dal punto di vista finanziario. Ma bisogna essere sicuri che entrambi vogliono fare la stessa cosa… Dovizioso vuole un progetto interessante e le condizioni necessarie per continuare a lavorare, se non accadranno non accetterà l’offerta. E se non ci sono offerte di questo tipo, aspetterà che arrivi. Andare in pensione? Potrebbe essere, lo valutiamo. Andrea non sta pensando di ritirarsi. Si sente forte, si sente bene, a parte l’incidente di motocross è nella sua migliore forma fisica“.

2 commenti

matteochiarello197_14424442
7:35, 4 luglio 2020

Magari mi sbaglio ma tenere i piloti in questo modo x le parti intime secondo me non è molto sensato!tutti con l’ansia da prestazione e tra l’altro con poche gare potrebbe causare uno sfracello x il campionato!!e non credo che MM93 abbia bisogno di aiuti esterni …..

    dinosaur_14861264
    16:26, 4 luglio 2020

    Quando mai i manager Ducati hanno fatto mosse sensate?

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi e Danilo Petrucci

MotoGP, Valentino Rossi e Danilo Petrucci “influenzati” dal calendario

moto2

Moto2, classe ricca di rookie: ecco gli otto volti nuovi, tra cui tre italiani

MotoGP, Herve Poncharal

Hervé Poncharal: “Tech3 in MotoGP fino al 2026”