MotoGP: Dovizioso beffa Márquez, Ducati vince ancora in Austria

Il Red Bull Ring rimane territorio Ducati. Andrea Dovizioso vince il duello con Marc Márquez, trionfando in Austria. 3° Fabio Quartararo.

11 agosto 2019 - 14:52

Non abbiamo assistito ad un assolo di Marc Márquez, che pur partiva dalla pole position. Si diceva che Andrea Dovizioso avesse il ritmo per tenere testa al campione in carica e così è stato. Un gran duello tra i due si è risolto in favore del pilota Ducati, che ha beffato lo spagnolo sul finale. Il Red Bull Ring rimane regno della rossa. A podio Fabio Quartararo, miglior Yamaha davanti a Rossi e Viñales. Top KTM è il rookie Miguel Oliveira, 8° alla bandiera a scacchi. (MotoGP a Misano, biglietti scontati per i lettori di Corsedimoto)

Ottimo lo scatto al via sia di Márquez che Dovizioso, subito a duello ma protagonisti anche di un largo che lascia passare altri tre piloti. Quartararo passa al comando seguito da Rins, ma il pilota Suzuki soffre tanto in rettilineo e viene infilato da vari rivali. Registriamo presto un incidente alla curva 3 tra Pol Espargaró e Crutchlow, entrambi costretti così ad un ritiro anticipato. Finisce a terra poco dopo anche Syahrin, così come in seguito capiterà anche a Miller (quarto in quel momento) e Rabat.

Non è una fuga per la vittoria ad opera del leader iridato. Dovizioso e Márquez accumulano gran margine sugli inseguitori e danno vita ad un gran duello per la vittoria. All’ultima curva ecco l’affondo dell’alfiere Ducati, che conquista così il quarto successo in rosso su questa pista (qui il video del confronto diretto). Dietro, a grande distanza, c’è Fabio Quartararo, che taglia il traguardo in terza piazza con ampio margine su Valentino Rossi e Maverick Viñales.

La classifica

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Alex Rins

MotoGP, Alex Rins: “Che goduria battere Valentino e Márquez”

Valentino Rossi sulla Mercedes F1

Valentino Rossi a bordo della Mercedes di Lewis Hamilton

MotoGP, Ducati GP20

MotoGP, Ducati cerca Viñales. Domenicali: “Ora non facciamo nomi”