matteo ferrari gresini motoe

MotoE, Matteo Ferrari uomo di punta Gresini anche nel 2022

Matteo Ferrari e Gresini Racing avanti insieme. Rinnovata la partnership, con un nuovo sponsor e nuovi colori per la MotoE 2022.

24 novembre 2021 - 20:10

Continua anche nel 2022 un sodalizio iniziato con la nascita della MotoE. Matteo Ferrari e Gresini Racing rinnovano la loro collaborazione anche per la prossima stagione, con il costante obiettivo di ripetere quel 2019 trionfale per pilota e squadra. Con nuovi colori per l’Energica Ego Corsa che guiderà l’uomo di punta del team (e finora unica conferma 2022). L’azzurro richiama il progetto MotoGP, il giallo è il frutto della collaborazione col nuovo main sponsor Felo. Una partnership biennale con l’azienda cinese di scooter elettrici presentata oggi all’EICMA di Milano, alla presenza anche del Direttore Commerciale e Marketing Carlo Merlini.

“Una grande notizia”, come dichiarato da Matteo Ferrari. “Fare parte di questa famiglia da quattro anni è un onore e per un pilota non è mai scontato. Vuol dire quindi che da entrambe le parti stiamo facendo le cose per bene. Insieme ci siamo tolti grandi soddisfazioni, specie nei primi due anni. In questa stagione, nonostante le difficoltà, abbiamo portato a casa un terzo posto importante. Vogliamo tornare a giocarci il mondiale e a lottare per la vittoria ogni fine settimana.” Come ha poi aggiunto Carlo Merlini, “Matteo sarà nuovamente alfiere del progetto Gresini MotoE. In questi 3 anni siamo sempre stati sul podio, incluso l’emozionante vittoria iridata del 2019. L’obiettivo è chiaro, confermarsi ai vertici della categoria!”

Che favola Marco Simoncelli! “58” racconto illustrato in vendita anche su Amazon Libri

Foto: Gresini Racing

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi a 'Striscia la notizia'

MotoGP, Valentino Rossi braccato da ‘Striscia’: staffilata a Marc Marquez…

Moto2 Supersport

Moto2, Baldassarri pronto a lasciare e approdare in Supersport con MV?

Valentino Rossi

Tavullia in subbuglio per Valentino Rossi: via striscioni e stendardi