MotoGP, Razlan Razali

MotoGP, Razlan Razali deluso: “Valentino Rossi ha avuto problemi”

Razlan Razali deluso per le prestazioni del suo team nella stagione MotoGP 2021. Valentino Rossi "ha avuto problemi", Franco Morbidelli "sfortunato".

24 novembre 2021 - 21:08

Il nuovo team WithU Yamaha RNF ha debuttato in MotoGP durante il test di Jerez. Cancellate definitivamente le scritte Petronas, la partnership con il nuovo sponsor ha subito preso il via. Sarà un box bilanciato tra l’esperienza di Andrea Dovizioso e l’esordio del giovane Darryn Binder, autentica scommessa di Razlan Razali che lo ha promosso direttamente dalla Moto3. Obiettivi ambiziosi e non può essere altrimenti, dopo un primo biennio alla grande, con Fabio Quartararo e Franco Morbidelli. Ma con un 2021 in sordina, che verrà ricordato solo per aver ospitato Valentino Rossi alla sua ultima annata. “Speriamo che Dovizioso faccia bene e lotti per il campionato – ammette il manager malese a MotoGP.com -. Con Darryn cercheremo di essere il miglior ‘rookie’ della categoria“.

Il binomio perfetto

Andrea Dovizioso ha già preso le misure alla Yamaha M1 e del box satellite. Al suo fianco c’è l’esperto capotecnico Ramon Forcada che ben conosce l’ambiente di Iwata. “Andrea è molto analitico – spiega Razali -. È molto chiaro su ciò che vuole. Penso che la Yamaha abbia bisogno di una prospettiva diversa, soprattutto da un pilota esperto. Dovizioso contribuirà a tutto lo sviluppo e allo stesso tempo aiuterà anche Darryn“. Il salto dalla Moto3 alla MotoGP è un’autentica scommessa. Quando nel 2019 hanno puntato su Fabio Quartararo il fiuto di Razali ha premiato. “Con Binder è un rischio più grande, perché arriva direttamente dalla Moto3. Se guardi la sua stazza, il suo peso, lo svantaggio che ha in Moto3 e il modo in cui riprende posizioni, frena forte, attacca, ecc. Pensiamo che valga la pena provarci“.

Stagione 2021 da archiviare

Nella stagione MotoGP 2021 l’ex team Petronas SRT si è dovuto accontentare di un solo podio, a Jerez, ad opera di Franco Morbidelli. Valentino Rossi ha centrato due volte la top-10, la seconda a Valencia. “Abbiamo cercato di mantenere lo slancio dell’anno precedente con Valentino e Frankie, ma purtroppo non ci siamo riusciti“, conclude Razlan Razali. “Rossi ha avuto problemi. Abbiamo visto alcuni scorci di Morbidelli dopo il Qatar, con un quarto posto e un podio, poi ha avuto lo sfortunato infortunio. Abbiamo cercato di sopravvivere, di fare del nostro meglio e poi abbiamo ricevuto la notizia di Petronas…“. A quel punto il manager malese ha dovuto ridimensionare tutti i piani.

Che favola Marco Simoncelli! “58” racconto illustrato in vendita anche su Amazon Libri

1 commento

FRA 1988
21:29, 24 novembre 2021

Razali credeva sul serio che Rossi sarebbe andato bene? 42 anni suonati non fanno sconti a nessuno.Dovi è più giovane ma pensare ad una lotta al vertice diventa piuttosto illusorio. La Yamaha punta sul team ufficiale e non potrebbe fare altrimenti con il campione in carica.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Casey Stoner

MotoGP, Casey Stoner rivela: “Sono interessato alla Yamaha”

MotoGP, Joan Mir

MotoGP, Suzuki ha deciso: non serve un nuovo team manager

MotoGP, Takahiro Sumi

MotoGP, Takahiro Sumi: i segreti della Yamaha e la YZR-M1 2022