27 Aprile 2022

MotoE Jerez: Kevin Zannoni “Adesso punto molto in alto”

Kevin Zannoni ha vinto le prime due gare del CIV e vorrebbe ripetersi in MotoE. Dopo un anno di apprendistato, ora punta al massimo con la Sic58Squadra Corse.

Zannoni-MotoE

Anno nuovo, vita nuova. Kevin Zannoni ha cambiato team, casco e soprattutto traguardi. Dopo un anno di apprendistato nel Mondiale MotoE, ora punta al titolo iridato ma anche alla vittoria del Campionato Italiano Supersport. Nel CIV ha vinto due gare su due e nel Mondiale gli piacerebbe fare altrettanto anche se lì è tutto più difficile. Il ventunenne romagnolo quest’anno è approdato al Sic58Squadra Corse ed è pronto per il primo round stagionale, in programma questo week-end a Jerez.

La stagione è iniziata alla grande nel CIV e non poteva cominciare meglio” racconta Zanna. “Mi sono allenato intensamente durante l’inverno per essere al meglio della mia forma fisica. La scorsa stagione ho raccolto tanti dati anche su di me in relazione a queste moto grandi. In palestra ho lavorato su certi aspetti su cui non mi ero mai concentrato in precedenza perché venivo dalla Moto3 e lì la preparazione ovviamente è diversa. Sono molto più in forma che la scorsa stagione. Con il team del CIV mi trovo benissimo, con quello del Mondiale uguale: sono due top team, sono pronto e non vedo l’ora che inizi anche il campionato MotoE”.

Sei pronto?

Sono prontissimo. I test sono andati bene. Purtroppo non abbiamo fatto tanti turni perché purtroppo tutte le volte che siamo andati a fare i test a Jerez il meteo ci ha messo lo zampino, ha piovuto ed abbiamo fatto pochi turni asciutti. Abbiamo dovuto provare tante cose anche perché la moto è cambiata, ci sono 15 chili in meno, un bilanciamento diverso e va un po’ sistemata. Abbiamo utilizzato i test per provare alcune cose e capire qual è la direzione da prendere durante i week-end di gara”.

Speranze?

La speranza è lottare per il titolo e siamo consapevoli di poterlo fare”.

Cosa provi in questo momento?

Le emozioni sono forti perché è la mia seconda stagione in MotoE ed è una sensazione unica. L’anno scorso è stato il mio primo anno quindi era tutto nuovo: mi sono adattato a questa nuova moto e categoria. Ora mi sento pronto, ho cambiato squadra e punto più in alto”.

Chi temi di più tra i tuoi avversari?

Difficile dirlo perché ce ne sono molti. Nei test si sono fatti notare Aegerter, Garzò e Ferrari però non ci sono solo tre da temere ma ce ne sono tanti ad esempio Torres che ha vinto le ultime due stagioni e tantissimi altri”.

L’anno scorso a fine stagione stagione eri andato bene. Ora riparti da lì?

Metterò a frutto tutta l’esperienza maturata la scorsa stagione in MotoE. Nel 2021 non è stato semplice adattarmi alla nuova categoria ma nel finale sono riuscito ad essere competitivo. Devo ripartire proprio da lì, senza ombra di dubbio, essere subito competitivo fin dalla prima gara e portare a casa il miglior risultato”.

Lascia un commento