zaccone motoe

MotoE GP Jerez: Alessandro Zaccone di forza, ecco la prima vittoria!

Alessandro Zaccone apre la sua seconda stagione MotoE con una gran vittoria a Jerez. Sul podio Aegerter e Torres, inattesa caduta di Granado!

2 maggio 2021 - 15:53

Prima gara MotoE del 2021 con il tricolore che brilla sul gradino più alto. Merito di Alessandro Zaccone, che inizia il suo secondo anno elettrico con la prima vittoria in campionato. Secondo gradino del podio per Dominique Aegerter, inizia con un terzo posto la difesa del titolo di Jordi Torres. Gara ricca di colpi di scena e di cadute, in particolare quella che vede protagonista Eric Granado, dominatore del weekend e fino a quel momento in testa!

La gara

Ottimo lo scatto iniziale del poleman, ma alla prima curva è Tulovic a passare in testa, con Aegerter in terza piazza. Sfortunatamente ecco subito un botto con protagonisti Perolari e Zannoni, a terra dopo un contatto. Purtroppo non il miglior esordio per il francese ed il nostro portacolori, quest’ultimo in grado comunque di ripartire. Poco dopo però finiscono KO anche due dei maggiori contendenti per il podio, con il rookie Aldeguer che avvia la carambola che mette fuori causa anche l’incolpevole Tulovic.

In testa Granado marcia a tempo di record, ma a 5 giri dalla fine ecco il colpo di scena: il brasiliano finisce a terra! Più indietro cade anche Cardelús, mentre passa in testa il nostro Zaccone, tallonato da Aegerter e dal campione in carica Torres. Con il gran vantaggio sugli inseguitori, è lotta a tre per la vittoria: ma resiste Alessandro Zaccone, guadagna anche qualche decimo utile ed ecco che arriva il suo primo successo MotoE! Dominique Aegerter sale sul secondo gradino del podio, terza piazza per Jordi Torres.

La classifica

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Jack Miller sulla Ducati GP21

MotoGP, holeshot Ducati: nessuno provi a vietarlo!

bestia martin maro sava motogp

MotoGP, rookie a confronto: Bastianini, Martín, Marini e Savadori dopo 4 GP

MotoGP, Pecco Bagnaia e Luca Marini

MotoGP, ‘arm pump’: i commenti della VR46 Academy