motoe le mans

MotoE, Alessandro Zaccone: “Nessun obiettivo particolare a Le Mans”

MotoE in azione a Le Mans per il 2° round 2021. Le parole di Alessandro Zaccone, Dominique Aegerter, Mattia Casadei, Miquel Pons, María Herrera e Eric Granado.

13 maggio 2021 - 12:42

Non è passato molto dal primo evento della stagione MotoE, ecco che si torna subito in azione da Le Mans. Si riparte dal successo di Alessandro Zaccone davanti a Dominque Aegerter ed a Jordi Torres, oltre all’inattesa caduta di Eric Granado. L’italiano, lo svizzero ed il brasiliano sono tra i protagonisti della conferenza stampa inaugurale, che come sempre apre gli eventi della Coppa del Mondo elettrica. Assieme a loro presenti anche Mattia Casadei, il rookie Miquel PonsMaría Herrera.

Il primo a parlare è Alessandro Zaccone, che certo ha iniziato in maniera ottimale la sua seconda stagione MotoE. “Mi sento molto forte e c’è un ottimo feeling con la squadra, abbiamo iniziato alla grande la stagione” ha sottolineato l’alfiere Pramac. “Ma avevamo svolto anche un ottimo lavoro sia nei test che nel primo weekend di gara.” Secondo round di scena a Le Mans. “Certo qui sarà più difficile. Non conosco bene la pista, l’ho provata solo l’anno scorso e su pista bagnata. Non abbiamo nessun obiettivo in particolare, ma vedremo durante il fine settimana e cercheremo di fare del nostro meglio.”

Segue Dominique Aegerter, reduce dal secondo posto ottenuto nella prima gara dell’anno. “La cosa più importante è che abbiamo chiuso la corsa con 20 punti. È essenziale ottenere sempre il massimo in un campionato così corto.” Riguardo a questo nuovo evento, “Conosco la pista dall’anno scorso. Vedremo però quali condizioni incontreremo, ma abbiamo un buon set up e sono pronto per lottare di nuovo per delle buone posizioni.” Ricorda anche quanto successo nel 2020. “Serve sempre un po’ di fortuna” ha ammesso il pilota Intact GP col sorriso. “Certo non ne ho avuta alla prima chicane… Ma è anche difficile iniziare senza warm up e giro di ricognizione, bisognerà fare sempre maggiore attenzione soprattutto all’inizio. Oltre a fare bene in E-Pole per una buona posizione in griglia, non c’è margine di errore.”

Nonostante l’infortunio ed i primi test saltati, Mattia Casadei ha disputato una buona corsa a Jerez. Soprattutto per il fatto di dover recuperare il tempo perduto rispetto agli altri. Ma il 4° posto alla bandiera a scacchi è certo un ottimo punto di partenza per questa stagione MotoE 2021. “Nel corso del fine settimana a Jerez abbiamo provato davvero tante cose sulla moto” ha sottolineato il pilota SIC58 Squadra Corse. “In gara poi siamo riusciti ad impostare un buon ritmo, lo stesso dei tre piloti in testa. Ora vedremo cosa succederà qui a Le Mans. L’anno scorso mi è andata davvero molto male… Stavolta vedremo, saranno certo condizioni simili per tutti e dovrò dare il massimo in sella.”

Miquel Pons è uno degli esordienti più interessanti. Lo ha dimostrato nei test, lo ha confermato con il 5° posto ottenuto nella gara inaugurale. Ora vedremo però come riuscirà a cavarsela a Le Mans, su una pista che non conosce e con il tempo sempre molto variabile. Oltre ad accennare vagamente a qualche fastidio all’avambraccio destro… “La quinta posizione a Jerez è stata davvero ottima” ha sottolineato il pilota LCR. “Certo però dobbiamo lavorare su E-Pole per cercare partire più avanti, ma nel complesso direi che abbiamo lavorato molto bene finora. Questa a Le Mans una nuova sfida, visto che si tratta di un circuito nuovo per me. Gli obiettivi però rimangono invariati, a partire dal fatto che dovremo cercare di ottenere un buon risultato in qualifica, e poi vedremo.”

María Herrera invece è reduce da un intervento al braccio destro per sistemare un problema di sindrome compartimentale che accusava da tempo. Tanti dubbi in questo senso quindi per la pilota Aspar Team, ottimista certo verso la tappa francese ma con molta cautela. “Siamo comunque tornati con un buon feeling, cercando di essere sempre più veloci.” Obiettivi per questo secondo evento del 2021? “Nessuno in particolare. Sono passati appena sette giorni dall’intervento e di preciso non so cosa aspettarmi. Non vedo l’ora di cominciare, vedremo poi come starà il braccio.” 

Finiamo la carrellata con Eric Granado, dominatore a Jerez prima dell’errore che gli è costato una più che probabile vittoria. Non nasconde la grande rabbia provata quand’è finito a terra, ma è determinato a rifarsi. “Sono molto motivato per questa gara” ha sottolineato il brasiliano di One Energy Racing. “A Jerez siamo stati sempre veloci e con un ottimo feeling. Purtroppo c’è stato l’errore in gara… Ma porto con me solo gli aspetti positivi: siamo veloci e pronti a lottare per la vittoria. Certo qui a Le Mans sarà un’altra storia, visto che tutti abbiamo percorso pochi giri ed in condizioni sempre diverse. Gli obiettivi sono gli stessi: cerco sempre di dare il massimo e di migliorare, arriverà il mio momento.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

moto2 morbidelli sachsenring

Moto2, Italia vincente al Sachsenring solo con Morbidelli. Ed in 250cc…

La Honda RC213V nel test in Catalunya

MotoGP, Alberto Puig: la Honda “total black” resta top secret

MotoGP, Franco Morbidelli e Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi: “Il Sachsenring è una pista diversa”