arbolino silverstone 2019

Moto3: Tony Arbolino ‘terzo incomodo’ nella lotta iridata?

Tony Arbolino è ormai stabilmente un pilota con cui fare i conti nella lotta per il podio. Continua così anche il suo recupero in ottica iridata, con 7 GP ancora da disputare.

27 agosto 2019 - 16:37

Gara dopo gara è sempre più evidente la crescita esponenziale di Tony Arbolino nel corso di questa stagione. Terza annata mondiale per lui, quella di gran lunga migliore, e mancano ancora sette Gran Premi da disputare. Finora però ha già conquistato due vittorie e quattro podi, tre di questi negli ultimi GP, oltre ad essere costantemente in lotta per le prime posizioni. Dopo il 2° posto a Silverstone il distacco dal leader iridato Dalla Porta è di 38 punti, da Canet sono 24. Potrebbe esserci una lotta a tre per la corona nella categoria minore?

La stagione dell’esordio con SIC58 Squadra Corse è stata complessa, con un solo piazzamento a punti. Nel 2018 è approdato nel team Snipers, unico pilota di questa squadra. Il miglior risultato è un sesto posto in Giappone, oltre a due pole position, e chiude la stagione 18°, con 57 punti. Dopo 12 GP disputati quest’anno ha già più che raddoppiato questa cifra, oltre ad aver ottenuto risultati degni di nota. Vanta finora due vittorie, altri quattro podi e tre pole position, l’ultima (da record) a Silverstone dopo aver dominato nelle prove libere.

Gli ormai abituali allenamenti con il campione MotoGP Jorge Lorenzo ed il suo preparatore atletico certamente lo stanno aiutando, anche a livello mentale. Un click importante in quella che è per lui la terza stagione mondiale, nella quale si sta mostrando costantemente un battagliero protagonista per la zona podio. Tanta grinta unita ad una sempre maggiore consapevolezza nei propri mezzi, un mix che a fine gara ha spinto Christian Lundberg, direttore tecnico Leopard Racing, ad indicare in lui come il rivale più pericoloso per il suo pilota Dalla Porta.

“Bello, mi fa piacere saperlo!” ha commentato ridendo Tony Arbolino una volta saputo il commento. Sorride il giovane di Garbagnate Milanese, conosce bene il valore di quanto fatto anche domenica a Silverstone, ma non vuole lasciarsi distrarre da altri pensieri. “Non ho proprio pensato al campionato” ha infatti precisato a gara conclusa. Sembrava una lotta tra lui e Dalla Porta (che finora ha sempre battuto), quando ecco spuntare Ramírez. “Marcos è uscito più forte dall’ultima chicane ed è riuscito a passare davanti.” Vincendo davanti al duo tricolore.

“Io ho avuto parecchie difficoltà nei sorpassi” ha poi aggiunto. “La sesta marcia, ogni volta che la inserivo, mi era un po’ corta. In ogni caso questo è un podio importantissimo sia per la squadra che per me. Indica una seconda parte di stagione che per ora sembra iniziata bene.” Una spinta in più per le prossime gare, a partire da quella a Misano. Dopo il primo successo in carriera arrivato al Mugello, Arbolino potrebbe pensare al bis. Perché non far risuonare un’altra volta l’inno di Mameli in casa?

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Alex Marquez e suo fratello Marc

MotoGP, Alex Marquez: “Mio fratello Marc di un altro livello”

dalla porta test jerez

Moto2-Moto3, Test Jerez: Primo giorno sul bagnato

Valentino Rossi Test MotoGP Valencia

Valentino Rossi: “L’anno scorso avevamo tre motori, ora idee più chiare”