pawi moto3

Moto3: Khairul Idham Pawi, nuova operazione al dito infortunato

Khairul Idham Pawi di nuovo sotto i ferri: ancora problemi al dito mignolo, necessario un intervento si spera definitivo. Obiettivo ritorno a Misano.

25 agosto 2020 - 21:00

Intervento perfettamente riuscito per Khairul Idham Pawi. Il giovane pilota Moto3 si è sottoposto nel primo pomeriggio a Barcellona ad un’operazione al dito mignolo della mano destra, infortunato di nuovo di recente e che si è trascinato fino al GP d’Austria, prima di arrendersi. Si tratta infatti dello stesso dito che gli ha causato tanti problemi nella stagione 2019. L’operazione è durata circa due ore: Pawi spera di essere di nuovo in azione a Misano, ma bisognerà valutare passo dopo passo le sue condizioni.

Anno nuovo, vecchi problemi per il malese del team Petronas. KIP infatti ha saltato quasi tutta la scorsa annata proprio per un infortunio a quello stesso dito. Nel Gran Premio di Spagna 2020 ecco che ci risiamo, ma stringe i denti e continua, finché la situazione non peggiora con una nuova caduta a Brno. Prova ad andare avanti, arrivando fino al primo evento in Austria, ma si ferma definitivamente dopo il warm up della domenica per i tanti problemi dovuti alla lesione. Si opta quindi per un nuovo intervento, da vedere come procederà la riabilitazione.

“È dura essere di nuovo in ospedale per lo stesso problema” ha ammesso Khairul Idham Pawi. “Con la squadra però abbiamo deciso che questa era la soluzione migliore. Me lo sono portato dietro troppo a lungo e spero che questa sia l’operazione definitiva. La mia idea sarebbe tornare per il primo evento a Misano, ma vedremo come andrà. Se non altro c’è una pausa nel calendario che mi può tornare utile. Ringrazio infine tutti i medici per il loro lavoro, ma anche la squadra ed i fan per il supporto. Ora devo solo pensare a tornare più forte di prima.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

marc marquez motogp

MotoGP: Marc Márquez, nuovi controlli a Madrid. Verso il 3° intervento?

MotoGP, Andrea Iannone

MotoGP, Andrea Iannone: perchè la stangata è stata inevitabile

MotoGP: ‘Campioni unici’, i soli campioni del mondo per i propri paesi