stefano nepa moto3

Moto3 Catalunya, Prove 3: brilla Stefano Nepa, Pedro Acosta in Q1

La zampata di Stefano Nepa nell'ultimo turno di libere. Il pilota BOE Owlride svetta anche in classifica combinata, davanti a Rodrigo ed a Suzuki.

5 giugno 2021 - 9:47

Ultima sessione di prove libere col guizzo finale di Stefano Nepa. Il pilota BOE Owlride infatti proprio all’ultimo tentativo utile piazza il crono che gli permette di chiudere al comando sia delle FP3 che della classifica Moto3 combinata. Accesso diretto alla Q2 con il tempo di riferimento quindi, seguito da Gabriel Rodrigo e da Tatsuki Suzuki, in top 14 anche Romano Fenati, Niccolò Antonelli e Dennis Foggia, oltre ai rookie Adrián Fernández e Izan Guevara. Tra gli altri, troviamo invece in Q1 anche il leader iridato Pedro Acosta. Qualifiche al via alle 12:35, qui tutti gli orari.

Prove libere 3

Cielo soleggiato e temperature di 20-27° C accolgono i piloti Moto3 per la terza ed ultima sessione di prove libere. Qui si decide come sempre la top 14, ovvero chi va direttamente in Q2, ripartendo da quanto fatto nel secondo turno di libere del venerdì. Si piazza presto al comando Rodrigo, seppur con un riferimento ben più alto rispetto a quello da lui registrato nelle FP2. A lungo infatti sono davvero in pochi ad aver migliorato i propri tempi rispetto al venerdì, non apportando cambiamenti particolarmente significativi in classifica. Non manca uno ‘scossone’ per Salac, finché proprio alla bandiera a scacchi non abbiamo novità: Stefano Nepa in particolare vola in testa alla classifica combinata, sopravanzando Gabriel Rodrigo, terzo è Tatsuki Suzuki.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

La classifica FP3 

La classifica combinata 

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

michelin motogp

MotoGP: Michelin, una gamma più ampia per il ritorno alla Cattedrale

MotoGP, Valentino Rossi

Valentino Rossi e Andrea Dovizioso… sarà un mercoledì davvero speciale!

MotoGP, Maverick Vinales

MotoGP, Maverick Vinales: l’idea del ritiro per “vergogna”