sergio garcia moto3

Moto3 Catalunya: García trionfo al fotofinish, primo podio per Öncü

Sergio García vittorioso per appena 15 millesimi su Jeremy Alcoba. Jaume Masiá perde una posizione per limiti di pista, Deniz Öncü festeggia così il primo podio.

6 giugno 2021 - 12:11

La Moto3 ci ha abituato a gare sempre combattute e decise all’ultimo, ed in Catalunya non è diverso. Sergio García infatti riesce a conquistare il successo solo alla linea del traguardo e per appena 15 millesimi su Jeremy Alcoba. Gran successo del pilota Aspar Team davanti all’alfiere Gresini, terzo gradino del podio invece cambiato all’ultimo. Era di Jaume Masiá, ma un’infrazione per limiti di pista lo piazza appena giù dal podio. È così festa per Deniz Öncü, che si assicura il primo podio nella sua carriera mondiale. Da sottolineare che i primi tre si presentano con una maglia in ricordo dello sfortunato Jason Dupasquier, scomparso appena una settimana fa al Mugello. Settima piazza finale per il leader iridato Pedro Acosta, in rimonta dalla 25^ casella e grande protagonista per la lotta del podio, ben lontani invece i nostri portacolori: il migliore è Niccolò Antonelli, che taglia il traguardo in 8^ posizione.

Cadute e sanzioni

Prima del via c’è una complicazione per Riccardo Rossi: l’italiano infatti finisce nella ghiaia nel corso del warm up lap. La sua gara purtroppo non parte nemmeno… Durante la corsa invece arriverà per Fernández una Long Lap Penalty per un taglio tra la prima e la seconda curva, stessa sanzione poi per Bartolini per troppe uscite di pista. A 12 giri dalla fine highside per McPhee all’uscita di curva 2, in testa in quel momento e con un altro sfortunato zero a referto. Paura per la sua moto che nella carambola torna in pista, evitata però dagli altri piloti, mentre Suzuki e Migno vengono a contatto tra loro nella curva successiva. Tutti e tre i piloti sono così costretti al ritiro, mentre Fernández raddoppia, arriverà una seconda sanzione per limiti di pista. Ma la sua gara si chiuderà anzitempo, così come per Salac, che a 6 giri dalla fine torna al box. Ma gli incidenti non sono finiti, ne avremo altri proprio nell’ultimo giro.

La gara 

Scattano al meglio i primi quattro in griglia, ovvero Rodrigo, Antonelli, Alcoba e Nepa, anche se certo non sono da meno gli inseguitori. La brutta notizia è che l’alfiere BOE Owlride perde parecchie posizioni nei primi giri, mentre come sempre al comando c’è un folto e battagliero gruppo di piloti in lotta per la zona podio, compresi alcuni italiani ed il leader Acosta in rimonta. Nelle zone alte anche McPhee, Migno e Suzuki, ma come detto la loro corsa finisce anzitempo per incidenti… Giro dopo giro rimangono in 15 in fuga ed in aperta competizione per la zona podio (con anche un quasi contatto tra i compagni di squadra García e Guevara). Si perde Guevara nell’ultimo settore, bandiera rossa proprio all’ultimo giro (e con i primissimi già al traguardo) per un multiplo incidente alla curva 8: coinvolti Foggia, Artigas e Sasaki. I primi due vengono riportati ai rispettivi box da alcuni colleghi, il terzo andrà al Centro Medico per controlli. Trionfo infine di Sergio García con un margine minimo su Jeremy Alcoba, terzo è Jaume Masiá, andato però oltre i limiti della pista. Perde così una casella, festeggia Deniz Öncü, per la prima volta sul podio.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” Bestseller su Amazon Libri

La classifica

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

moto2 morbidelli sachsenring

Moto2, Italia vincente al Sachsenring solo con Morbidelli. Ed in 250cc…

La Honda RC213V nel test in Catalunya

MotoGP, Alberto Puig: la Honda “total black” resta top secret

MotoGP, Franco Morbidelli e Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi: “Il Sachsenring è una pista diversa”