migno masia moto3 2019

Moto3: L’addio del team di Fiorenzo Caponera dopo 23 anni mondiali

Una squadra storica, quella di Fiorenzo Caponera, lascia la categoria minore del Motomondiale dopo un'esperienza ventennale con due titoli mondiali.

2 gennaio 2020 - 17:40

L’entry list Moto3 per il 2020 ci ha confermato una notizia che ormai si sapeva da tempo. Lo storico team di Fiorenzo Caponera non prenderà il via nella categoria minore del Motomondiale l’anno prossimo. Problemi di natura economica sorti nel 2019 hanno costretto il boss della squadra a lasciare il Campionato del Mondo alla fine della stagione. Un commosso addio a Valencia per i 23 anni di un team che ha festeggiato due titoli piloti nei primi anni 2000, oltre a seguire tanti nomi di peso nel Mondiale.

La squadra viene fondata nel 1997 grazie ai finanziamenti di Vasco Rossi. Il nome del cantante quindi compare per questo nella denominazione iniziale: la partnership finisce nel 2000. Nel 1998 assistiamo al debutto a livello mondiale, nell’allora 125cc: Fiorenzo Caponera ne era a capo, il pilota era Ivan Goi in sella ad una Aprilia. L’anno successivo assistiamo ad un doppio impegno, visto anche l’esordio in 250cc, ma è nel 2000 che c’è la prima consacrazione mondiale. Nella categoria 125cc Roberto Locatelli porta il primo titolo iridato alla squadra. Da quell’anno, con il continuo cambio dei finanziatori, la squadra inizia ad assumere nomi diversi.

La seconda corona mondiale, l’ultima, arriva con la denominazione ‘Imola Circuit Exalt Cycle Race’: ci pensa il francese Arnaud Vincent, sempre in 125cc. Oltre ai citati campioni, sono davvero tantissimi i nomi noti passati nel corso degli anni nel team di Caponera, a lungo o per breve tempo, tra 125cc, Moto3 e (brevemente) 250cc. Boscoscuro, Sanna, Rolfo, Battaini, Pablo Nieto, De Rosa, Aegerter, Nakagami, Iannone, Zanetti, Folger, Khairuddin, Grotzkyj, Alex Márquez, Brad e Darryn Binder, Tonucci. Fino agli alfieri 2019, Jaume Masiá e Andrea Migno (in pista inizialmente con ‘Bester Capital Dubai’, diventato nel corso dell’anno ‘Mugen Race’). Solo per citare alcuni nomi.

“Siamo orgogliosi soprattutto dei tanti talenti che abbiamo portato a livello mondiale. Questa è la nostra più grande soddisfazione” aveva sottolineato lo stesso Fiorenzo Caponera. Una parte importante del Campionato del Mondo che chiude i battenti, per problemi di sponsor riscontrati nel corso della stagione. Bester Capital Dubai infatti, che ha iniziato la stagione come finanziatore principale, ad un certo punto ha abbandonato la squadra. Per arrivare alla fine dell’anno si è mossa IRTA che, assieme a Mugen Race, ha garantito la presenza del team di Caponera in griglia fino alla fine del 2019. Non però per il 2020.

Si può capire quindi la commozione nel team a Valencia, nel corso dell’ultimo GP della sua storia. Un fine settimana con entrambi i piloti in prima fila, con Andrea Migno in particolare in pole e Jaume Masiá terzo. Solo l’italiano è riuscito poi a regalare l’ultimo podio alla squadra, un gran 2° posto. Abbracci, lacrime, belle parole d’addio, oltre alla disponibilità di tutti i dipendenti in caso di ritorno nel Motomondiale.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

motogp barcelona

MotoGP: Sospeso il Gran Premio di Catalunya del 7 giugno

motogp

MotoGP, la tecnica: La sfida logistica delle squadre nel Mondiale

MotoGP, Marc Marquez e suo fratello Alex

MotoGP, Marc Marquez: “Fortunato a non correre in Qatar”