stefano manzi mv agusta

Moto2, Valencia: Prove 1, Stefano Manzi e MV Agusta in testa

Gran primo turno di libere per Stefano Manzi, il più rapido di queste FP1. Segue a 46 millesimi Brad Binder, terza piazza per Sam Lowes.

15 novembre 2019 - 11:47

Prima sessione di prove libere con Stefano Manzi al comando. Il pilota MV Agusta Forward è da subito il grande protagonista di questo turno, chiuso con il miglior crono. In seconda piazza c’è Brad Binder a 46 millesimi, terzo è Sam Lowes davanti ai rookie Fabio Di Giannantonio e Jorge Martín, nono l’iridato Alex Márquez. Si riparte con la seconda sessione di libere alle 15:05.

Nuovo momento iridato per Tommaso Marcon: dopo la wild card 2018, il 19enne di Cittadella guida la NTS di RW Racing GP, in sostituzione di Raffin (qui la notizia). Abbiamo anche un esordio: Sean Kelly corre questo fine settimana con i colori American Racing Team, visto il debutto anticipato di Lecuona in MotoGP. In pista invece c’è subito un problema: Bastianini è costretto a fermarsi per qualche guaio alla sua KALEX.

La sorpresa fin da subito è Manzi, che realizza ottimi tempi portandosi presto al comando. Il neo iridato Márquez gli strappa brevemente il primo posto, ma si mantiene molto vicino, ad appena 19 millesimi. Seguono Binder e Lüthi, i due contendenti per il vice-campionato, mentre registriamo la caduta di Locatelli nella seconda parte del turno. Problemi anche per Fernández, che parcheggia la sua KALEX a bordo pista ad una decina di minuti dalla fine.

Negli ultimi minuti compare Lowes, autore di una serie di giri veloci che gli permettono di portarsi in testa, ma non dura a lungo. Tanti piloti iniziano a migliorarsi, in particolare ancora Stefano Manzi, che si riprende la leadership e la mantiene fino alla bandiera a scacchi. Secondo posto occupato da Brad Binder, seguono Sam Lowes e Fabio Di Giannantonio. Da segnalare un incidente sul finale per Vierge, senza conseguenze.

La classifica

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jorge Lorenzo

Jorge Lorenzo a Motegi per il ringraziamento Honda

johann zarco

Johann Zarco: “Ho davanti 3-4 stagioni da vivere al massimo”

MotoGP, Maverick Vinales

MotoGP, Maverick Viñales: “L’interesse Ducati mi lusinga”