dixon moto2

Moto2 UFFICIALE Jake Dixon rimane in Petronas anche nel 2021

Il team Petronas conferma anche Jake Dixon. Rinnovata in toto quindi la line-up di quest'anno anche per la stagione 2021 nel Mondiale Moto2.

21 ottobre 2020 - 10:15

Petronas Sprinta Racing ripartirà nel 2021 con la stessa coppia di piloti con cui ha affrontato questa stagione Moto2. Ormai mancava solo l’annuncio ufficiale: ecco la firma di Jake Dixon, che affiancherà il già confermato Xavi Vierge. Dopo tante voci riguardanti il suo futuro, su tutte il possibile ballottaggio con John McPhee, ecco che arriva il rinnovo per l’ex pilota BSB. Un ‘premio’ per i costanti progressi fatti dal britannico, che ricordiamo recentemente ha accarezzato la prima vittoria, prima di uno sfortunato incidente.

“I passi avanti compiuti da Jake dalla prima gara ad oggi sono andati oltre le nostre aspettative” ha dichiarato Johan Stigefelt. “Abbiamo quindi deciso che non potevamo lasciarlo andare dopo appena un anno. Jake non può fare altro che diventare più forte, circondato dalla stessa squadra e dallo stesso gruppo: è positivo sia per il team che per il campionato. Siamo contenti di mantenere una line-up che consideriamo molto competitiva. Ora dobbiamo pensare a finire queste gare, preparandoci anche per il 2021.” 

Certo molto contento Jake Dixon, che appunto si sta avvicinando sempre di più alle prime posizioni in Moto2. “È una scelta sensata per entrambe le parti” ha aggiunto il pilota britannico. “È solo la mia prima stagione con questa squadra e con KALEX, ma stiamo già ottenendo buoni risultati. Credo che sia possibile considerare seriamente le nostre opzioni per il titolo nel campionato 2021. Ringrazio sentitamente tutta la squadra e gli sponsor, spero solo di rendervi fieri!”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Massimo Rivola ad Aprilia

MotoGP, beffa Aprilia: il sostituto di Andrea Iannone ancora non c’è

ogura moto3

Moto3: Ai Ogura chiude ad un passo dalla storia. Aoyama: “Fieri di lui”

quartararo motogp

MotoGP: Fabio Quartararo, guai con l’holeshot e sindrome compartimentale